Cassibile, sparò a un coetaneo dopo la lite: si consegna ai carabinieri dopo tre giorni

CASSIBILE. Si è consegnato ieri sera alla stazione carabinieri di Cassibile (Sr) Claudio Musso, 46 anni, concludendo così una fuga cominciata nel pomeriggio di domenica scorsa quando al termine di una lite con un coetaneo avrebbe esploso nei suoi confronti un colpo di pistola, ferendolo al collo per fortuna senza conseguenze vitali. I carabinieri gli hanno immediatamente notificato il provvedimento di fermo di indiziato di delitto per tentativo di omicidio e detenzione e porto illegali di arma da sparo emesso nei suoi confronti dalla Procura di Siracusa sulla base delle risultanze investigative. Dalle prime informazioni raccolte pare che Claudio Musso abbia trascorso questa breve fuga all'aperto nella zona di Fontane Bianche e si sia quindi presentato ai carabinieri, accompagnato dal proprio legale, estremamente provato, in stato di disidratazione ed affamato. I carabinieri erano già a riusciti a chiudere il cerchio facendo tutto attorno terra bruciata e precludendogli ogni possibilità di aiuto e supporto. Da qui la scelta di consegnarsi ai carabinieri che stanno proseguono le indagini per verificare se Musso abbia agito da solo e non abbia effettivamente potuto contare su aiuti. L'uomo è stato rinchiuso nel carcere di Cavadonna in attesa della convalida del fermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook