Siracusa, il Teatro greco invaso dai giovani per l’Inda

SIRACUSA. Un vero e proprio viaggio nell’arte, un tuffo nel passato tra le parole di Ovidio, Euripide, Sofocle e Aristofane. Un’esplosione di musica, suoni e recitazione nello scenario del Teatro greco con «110 stelle per l’Inda» lo spettacolo che ha concluso il Festival del centenario. Una grande festa quella di domenica sera, al termine dell’ultima replica della commedia «Le Vespe» che ha visto come protagonisti oltre 260 giovani, studenti delle scuole e allievi dell’Accademia d’arte del dramma antico. Piccoli e grandi insieme a recitare brani tratti da «Le metamorfosi» di Ovidio, «Il Ciclope» di Euripide, «Le Vespe» di Aristofane, «Antigone» di Sofocle, insieme alle esilaranti note della «Banda Osiris» e con gli attori Massimo Cimaglia e Alessandro Romano. I giovani hanno invaso il palco, provenendo dalla cavea, passando in mezzo al pubblico o da dietro la scenografia quasi a voler abbracciare quel luogo che per tante settimane è stato protagonista dei drammi dell’«Orestea» e della commedia. E ad accompagnare le esibizioni dei giovani i tanti applausi del numerosissimo pubblico di genitori, amici, ma anche dei tanti spettatori che avevano assistito all’ultimo spettacolo del Cinquantesimo ciclo di rappresentazioni.


L'ARTICOLO COMPLETO NELL'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook