Sai 8, gli ex dipendenti in corteo a Siracusa: «In balia di nessuno»

Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Lavoratori di Sai 8 licenziati e un corteo che ha paralizzato per due ore la città. La protesta dei dipendenti dell'azienda che gestiva i servizi idrici e fognari in città e in nove comuni della provincia è tornata in strada ieri mattina, quando i dipendenti hanno appreso di essere stati licenziati ed invitati a lasciare sia gli uffici di viale Santa Panagia che il depuratore di contrada Canalicchio. La tensione già alta negli ultimi giorni dopo la spaccatura tra i sindaci ed i sindacati, e l'esito della riunione di giovedì sera convocata dal commissario dell'Ato idrico, Mario Ortello che ha decretato la consegna di impianti e reti ai Comuni, ha portato i 158 dipendenti di Sai 8 con striscioni, cartelli e fischietti insieme ad una delegazione di operai delle ditte dell'indotto a prendere parte al corteo, organizzato da Cgil, Cisl e Uil, insieme alla Cna, che è scattato dal piazzale del Teatro Greco, ed attraversando la città è transitato lungo corso Gelone, via Catania, corso Umberto, largo XXV luglio, corso Matteotti per concludersi in piazza Archimede davanti alla sede della Prefettura. L'ARTICOLO COMPLETO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook