Siracusa, Latomia chiusa ai disabili Acerra: «Indegno»

Per risolvere il problema è necessaria l’installazione di un’ascensore: «Le possibilità ci sono ma servono le risorse»
Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Un semplice ascensore per aprire la Latomia dei Cappuccini e porre fine agli umilianti «no» ai disabili. E per dare una risposta a un appello rimasto inascoltato per anni. È Lucia Acerra, presidente della sezione siracusana di «Italia Nostra» a chiamare ancora una volta in causa istituzioni e imprese per spingerle a mettere in atto un intervento che porrebbe fine a «una vera e propria ingiustizia». L’associazione gestisce la Latomia ormai da dieci anni e pochi giorni fa è arrivato ancora una volta un «no» a un disabile che voleva visitare uno dei siti più belli e suggestivi della città. «Mi sono vergognata - racconta Acerra - per aver dovuto dire a un turista sulla sedia a rotelle che non poteva accedere alla Latomia».


UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X