L’ex cinema Diana di Pachino è pronto: sarà usato dai migranti

PACHINO. Sono stati conclusi i lavori all'ex cinema Diana: ora è un centro funzionale per l'integrazione dei migranti. Ieri mattina l'impresa Fercal ha consegnato la struttura all'amministrazione comunale. Dopo meno di due anni di lavori l'ex cinema adesso è stato riqualificato e riadattato. Il progetto è stato finanziato direttamente dal ministero degli Interni, per 630 mila euro, e denominato "Polo sud". Si tratta di un ex cinema che diverrà un centro funzionale all'integrazione e all'inserimento di migranti regolari, attraverso l'attivazione di corsi per la formazione di base e professionale, e di attività ricreative e culturali. "Magari qualcuno - ha dichiarato in tono polemico il sindaco, Paolo Bonaiuto -, comincerà a stare zitto quando parla di questa amministrazione, alla luce dei fatti dimostrati".
L'ex cinema è stato acquistato dal Comune nel 1990, per un periodo ha ospitato l'aula consiliare poi abbandonato per più di quindici anni, periodo in cui è stato nascondiglio per colombi e topi. "Nessuno aveva mai pensato di ristrutturala - ha continuato il primo cittadino -, oppure completarla. Questa amministrazione ci è riuscita, contrariamente a quanto diceva qualcuno su una presunta sospensione dei lavori". Il cantiere, infatti, è rimasto bloccato per diversi mesi, a causa di problemi all'iter burocratico e ad alcune violazioni sui compensi della commissione di gara per l'affidamento dei lavori. Ma tutto è stato risolto con la visita dei funzionari del ministero. L'unica cosa che manca per "donare" la struttura alla città sono i mobili. "Faremo subito - ha sottolineato Paolo Bonaiuto - , una gara d'appalto per l'acquisto di quanto necessario per arredare l'ex cinema Diana". L'ex cinema, abbandonato da anni, sarà trasformato in un contenitore di laboratori ed, inoltre, alcune parti strutturali verranno mantenute, come l'area del piccolo palco. Oltre a puntare all'integrazione dei migranti regolari, l'altro obiettivo che vuole raggiungere l'amministrazione comunale è quello di ampliare le possibilità di utilizzo della struttura, estendendola alle scuole e alle associazioni culturali e di volontariato che operano nel territorio. "Questo vuol dire - ha concluso Bonaiuto - dare risposte ai cittadini, e questa amministrazione ne ha date tante. E inoltre annuncio che a giorni ripartiranno anche i lavori per il completamento della piscina comunale". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook