Siracusa, Archivio

Mercatino del centro ad Augusta, la Tosap viene dimezzata

AUGUSTA. Gli ambulanti del mercato cittadino di via Maestri del lavoro torneranno a pagare per il posteggio di vendita la tariffa più bassa relativa al 2011. È questo l’esito dell’incontro che si è svolto, nei giorni scorsi, tra una delegazione di ambulanti, il sovraordinato del Comune che si occupa di aree mercatali, Raffaele Falconieri e responsabili della Publiservizi, la società che si occupa di riscossione dei tributi comunali. Si tratta dell’ultimo di una serie di incontri che si sono svolti per cercare una soluzione al problema degli aumenti della Tosap, che è schizzata alle stelle dopo l’ultimo regolamento approvato dal Comune suscitando diverse lamentele da parte degli ambulanti stessi. «Abbiamo trovato la soluzione di tutti problemi – ha detto Sebastiano Mignosa, portavoce degli ambulanti presente all’incontro insieme a Giuseppe Ranno – Si è, infatti, deciso che la tariffa che verrà utilizzata per pagare l’occupazione del suolo pubblico dei posteggi di vendita sarà quella del 2011, cioè 28 e 29 centesimi a metro quadrato per posteggio contro i 62 centesimi che sono previsti dal nuovo regolamento. La tariffa sarà, in sostanza, più che dimezzata per venire incontro alle grosse difficoltà economiche degli ambulanti dovute anche alla crisi». Che hanno però portato molti di loro a non pagare la Tosap l’anno scorso e due anni fa. Secondo quanto è stato reso noto, infatti, per quanto riguarda il mercato di via Maestri del lavoro nel 2012 su 43 ambulanti aventi diritto al posteggio solo 3 erano in regola con i pagamenti, 37 hanno versato solo un acconto mentre tre non hanno pagato per niente. L’anno scorso la situazione è peggiorata visto che solo un ambulante su 43 ha versato tutto il dovuto e sono aumentati a 39 coloro che non hanno pagato e tre hanno versato solo un acconto. Per quanto riguarda, invece, il mercato del giovedì su 208 ambulanti che montano ogni settimana nelle aree di via Buozzi, alla Borgata solo 45 erano in regola, 65 hanno pagato un acconto mentre i restanti 98 non hanno versato la tariffa dovuta, l’anno scorso su 209 diminuiscono gli ambulanti in regola visto che ad aver pagato quanto dovuto alla Publiservizi sono stati solo 39, mentre 157 sono risultati evasori e 13 hanno pagato solo un acconto. Probabilmente si farà un accordo per la rateizzazione delle somme pregresse anche se c’è il rischio che se non si dovesse pagare verrà ritirata la licenza agli ambulanti. «Chiederemo di non fare pagare le multe, anche perchè – ha concluso Mignosa - sarebbero elevate visto che equivalgono alla tassa non pagata. Si sta cercando, inoltre un accordo per pagare la Tarsu al 50 per cento e lunedì è in programma un ulteriore incontro con la Publiservizi per meglio definire la rateizzazione del pregresso».  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati