Pachino, gli scout ripuliscono il parco abbandonato

Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Il parco urbano è abbandonato da 14 anni e ad avviare un'attività di risistemazione sono stati gli scout. Una risposta concreta di impegno sociale ed una "lezione" data ai politici ed agli amministratori. Nel finesettimana di Pasqua gli scout del gruppo "Agesci Pachino 2", guidati dal responsabile di zona, Saro Ardilio e dai capi clan Corrado Cammisuli e Maria Elena Scirè, hanno iniziato i lavori di sistemazione del parco urbano di contrada Cozzi che è stato inaugurato dall'ex sindaco, Mauro Adamo, e dopo il taglio del nastro poi abbandonato al suo destino da tutte le amministrazioni che si sono susseguite negli ultimi 14 anni. E non sono state poche. L'idea degli scout è nata dalla volontà di confrontarsi su un progetto concreto da portare davanti agli occhi di altri 32 mila "colleghi": tanti saranno, infatti, gli scout che parteciperanno ad agosto al raduno nazionale previsto in Toscana. Un momento in cui ogni gruppo dimostra agli altri il proprio impegno cittadino. "Una iniziativa - ha raccontato Saro Ardilio - nata per sviluppare nei ragazzi l'impegno sociale". Il "capitolo", ovvero l'impresa che ogni clan ha assunto, è "Il coraggio di essere cittadini", che prevede lo sviluppo di un argomento da portare alla conoscenza di tutti, sensibilizzare ed ottenere anche risultati. Gli scout pachinesi hanno scelto il parco urbano. "L'idea del parco - ha continuato Ardilio - è nata ad a ottobre ed è stata suddivisa in tre fasi: la prima l'osservazione, accorgersi dei problemi della città, la seconda fase quella di dedurre, quindi assumere degli impegni e la terza agire, perché non basta parlare ma bisogna fare". Ed i giovani scout hanno fatto. Giovedì, venerdì e sabato della scorsa settimana hanno trascorso la loro Pasqua al parco, lavorando per tutto il giorno ad una parte, quella del piccolo teatro, dopo essere stati autorizzati dall'amministrazione comunale. Hanno preso in mano decespugliatori, zappe e pale per cominciare a ripulire. E ieri sono arrivate anche le ruspe del Comune per dare più incisività e completare l'opera iniziata dagli scout. "Quando dal basso - ha sottolineato Ardilio - ci si sbraccia, allora si possono ottenere risultati e portare a conoscenza delle persone le cose. A volte ci si lamenta ma non si conoscono i problemi. Basta metterci un po' di passione e le cose si possono fare". Presto, il gruppo Agesci organizzerà una manifestazione al parco rinato: un evento musicale o un confronto tra i candidati a sindaco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X