Noto, piovono pezzi di intonaco al liceo Raeli Dichiarato inagibile l’edificio di via Nicotera

NOTO. Il portone sbarrato indica che l’allarme ora c’è davvero: il pezzo di intonaco che nella mattinata di venerdì scorso si è staccato da un’aula – la IV D – del Liceo delle Scienze sociali del «Matteo Raeli», ha portato alla inagibilità dell’edificio di via Nicotera, nella parte alta della città. Sono stati i tecnici della Provincia, proprietaria dell’immobile, al termine del sopralluogo a stabilire la chiusura del settecentesco edificio, in origine un ex ospizio e nel tempo utilizzato anche come scuola, prima dall’Istituto per Geometri che c’è rimasto per buona parte degli anni Settanta, all’Ipsia che si è trasferito nei nuovi locali sette anni fa. Solo da qualche anno, a seguito dello sgombero del «Matteo Raeli», oggi interessato da lavori di restauro (nel gennaio del 2009 l’Istituto scolastico ospitato nel settecentesco edificio che sorge accanto alla chiesa di san Domenico fu chiuso a causa del cedimento di un pezzo del controsoffitto e di alcune parti di intonaco, venuti giù da due aule del secondo piano), il Liceo delle Scienze sociali fa lezioni nell’antico ex ospizio.
Quell’immagine del banco in fondo alla classe, per fortuna vuoto, coperto da pezzi di calcinacci è ancora impressa sui volti degli studenti che immediatamente, una volta avvertito il botto, hanno abbandonato l’aula. «Vuoto perché i due ragazzi appena qualche minuto prima del crollo erano stati chiamati in cattedra dall’insegnante - dice il genitore di una ragazza che frequenta la IV D -. Vogliamo parlare di miracolo, di fortuna? Ma non possiamo affidarci sempre ai miracoli». Ecco, in tanti sollecitano maggiore attenzione per gli edifici scolastici, specie per quelli che questa destinazione l’hanno acquisita successivamente. «Un costante monitoraggio e una scrupolosa e periodica manutenzione», è quanto chiedono i genitori anche perché dal sopralluogo tecnico eseguito all’inizio di questa settimana sarebbe emerso che la situazione di pericolo includerebbe anche altre parti dell’edificio. Portone sbarrato in via Nicotera: l’allarme forte e deciso ora c’è davvero. E un altro capitolo è già aperto: dove faranno scuola gli studenti sgomberati? Qualche soluzione pare ci sia già. «Il dirigente scolastico dopo avermi comunicato quanto accaduto – dice il sindaco Corrado Bonfanti – mi ha anche detto che c’è la possibilità di spostare gli studenti in alcuni ambienti del Liceo Scientifico». Ma in molti si chiedono quanto tempo bisogna ancora attendere per riavere il restaurato «Matteo Raeli».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X