Schianto con la moto sulla Statale 115: muore giovane operaio di Noto

NOTO. Tragico incidente ieri mattina poco dopo le 12,30 sulla strada statale «115», nel tratto che da Noto conduce a Rosolini. A perdere la vita è stato Giuseppe Guarino Lo Bianco, un operaio di 32 anni di Noto, che si trovava in sella ad una «Honda» Cbr 1000. Il giovane, per cause ancora da accertare ha urtato la parte posteriore sinistra di un’auto, una «Renault Scenic» guidata da un trentanovenne di Ispica, perdendo il controllo della moto di grossa cilindrata. Entrambi i mezzi viaggiavano nella stessa direzione, stavano per raggiungere Noto.

Non sono, tuttora, chiare le dinamiche dell’impatto: secondo i carabinieri della compagnia di Noto che si stanno occupando delle indagini, probabilmente l’auto, per imboccare una traversa laterale, stava per svoltare. Non è escluso che il trentaduenne si sia accorto in ritardo della manovra che stava compiendo l’auto che lo precedeva e non avrebbe fatto in tempo a frenare. Inevitabile la caduta per il motociclista e il violento impatto sull’asfalto. I medici del 118 che sono intervenuti sul luogo dell’incidente hanno provato a stabilizzare da subito le sue condizioni, ma il quadro clinico era già molto grave, a causa delle numerose ferite riportate nella caduta. Le condizioni del giovane operaio sono apparse subito gravi ed è stato trasferito in elisoccorso in un ospedale a Catania. Sulla Statale è intervenuta anche la polizia municipale che si è occupata di ripristinare la viabilità. Le ferite riportate nella caduta si sono rivelate fatali, nonostante i tentativi di strapparlo alla morte, il giovane è deceduto ieri pomeriggio nel capoluogo etneo. Il giovane aveva una grande passione per le moto, ieri era in sella ad una «Honda» di un amico.

Giuseppe Guarino Lo Bianco era sposato ed aveva una figlia. Era molto conosciuto nella città barocca. Lavorava per una ditta che si occupa di riparazione di climatizzatori e oltre ad avere una passione per le moto, amava anche correre con le biciclette. Faceva parte dell’«Alveria bike», con la quale ha gareggiato in occasione di alcune competizioni promosse in provincia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook