Campo scuola, «nubi» sul regolamento La «Cittadella» di Siracusa nel degrado

Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Un sopralluogo al campo scuola ma anche una prima piccola frenata sul regolamento dell’impianto sportivo di via Augusto. Mentre le commissioni continuano il lavoro d’esame sulle nuove norme per l’utilizzo del «Di Natale» dall’amministrazione sembra arriva un seppur lieve rallentamento nel percorso che dovrà portare all’approvazione in aula del regolamento. «Al momento - ha spiegato il sindaco Giancarlo Garozzo - l’atto non è trattabile in aula. L’impianto sportivo è di proprietà nostra e della Provincia e per questa ragione deve anche essere esaminato e approvato dall’ente di via Roma». Di fatto, insomma, i tempi per arrivare all’entrata in vigore del regolamento sembrano allungarsi. Non è nemmeno escluso che ampie parti del provvedimento vengano riviste. «È chiaro - ha aggiunto il primo cittadino - che il regolamento dovrà passare all’esame del consiglio comunale e quindi non è escluso che ci siano dei cambiamenti». Ieri intanto l’ottava commissione Regolamento, presieduta da Stefania Salvo del Pd, ha effettuato un sopralluogo al campo scuola, alla presenza dell’assessore comunale allo Sport, Maria Grazia Cavarra. «È stata una visita molto utile per renderci nuovamente conto delle condizioni dell’impianto - ha spiegato Salvo - ed è chiaro che oggettivamente ci sono tanti aspetti da sistemare».
La struttura di via Augusto ormai da tempo fa i conti con la carenza di risorse che impediscono la manutenzione ordinaria. Nelle scorse settimane sono state sistemate le torri faro ma ci sono ancora tanti altri problemi da risolvere. «In questo momento le spese sono tutte a carico del comune - ha aggiunto Salvo - ed è chiaro che con l’assenza di risorse diventa tutto molto problematico. È anche indispensabile porre delle regole per l’utilizzo degli spazi anche per evitare che si svolgano nello stesso momento attività incompatibili tra loro. Rispetto al regolamento ritengo ci siano tante problematiche da risolvere, non ultima la necessità di armonizzarci con la Provincia». Ma i problemi per gli impianti sportivi cittadini non si limitano solo al campo scuola. Alla «Cittadella dello sport», infatti, è in condizioni di totale abbandono il pallone tensostatico con la copertura ormai quasi del tutto inesistente e la struttura in balia degli agenti atmosferici. Su questo fronte, nelle condizioni previste per l’affidamento sono stati inseriti proprio gli interventi per la sistemazione della copertura così come delle porte d’ingresso e di parti dell’impianto di illuminazione ma, almeno fino a questo momento, i lavori non sono ancora stati avviati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X