"Progetto Siracusa", offensiva contro il Comune su Imu e Tares

Insieme a Caf e un gruppo di professionisti denuncia errori, aggravi e disinformazione nei confronti dei cittadini
Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Progetto Siracusa» prepara una vera e propria offensiva contro il Comune su «Imu» e «Tares». A fare il punto della situazione ieri mattina è stato il leader del movimento Ezechia Paolo Reale insieme ai consiglieri comunali Massimo Milazzo e Fabio Rodante, al coordinatore provinciale di Articolo 4, Salvo Sorbello e alla rappresentante di «Casartigiani», Anna Di Noto.
Per gli accertamenti Ici del 2010 e del 2011 scattati anche per le prime case i Caf di Acli, Confagricoltura, Confcommercio e Casartigiani, si sono messi a disposizione per la presentazione di istanze in autotutela finalizzate all’annullamento dell’avviso. Assistenza verrà fornita anche nel caso di somme dovute o in parte già pagate ma non registrate nel sistema informativo del Comune.
Nel caso sia necessario fare ricorso alla commissione Tributaria «Progetto Siracusa» mette a disposizione anche un team di professionisti che con un «compenso politico di 50 euro» e il rimborso di altre spese provvederanno ad impugnare l’avviso. Per la «Tares» è stato ribadito «che non avrebbe dovuto essere pagata potendo il Comune limitarsi a riscuotere anche per il 2013 solo la Tarsu». Ai cittadini resta da pagare la maggiorazione dello 0,30 dovuta allo Stato e la quarta e ultima rata. Sono stati denunciati errori e confusione sulla scadenza dei pagamenti e sull’entità dell’ultima rata. Che molti contribuenti dovrebbero anche calcolarsi personalmente.
UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X