Pachino, costingeva la figlia a prostituirsi: la madre fa le prime ammissioni

PACHINO. Ha ammesso parzialmente le sue responsabilità C.G., la donna di 37 anni di Pachino arrestata dai carabinieri con l'accusa di avere indotto alla prostituzione la figlia appena maggiorenne. L'indagata, che ha affidato la propria difesa all'avvocato Paolo Ardilio, è comparsa ieri mattina davanti al gip del tribunale di Siracusa Alessandra Gigli, lo stesso magistrato che ha firmato l'ordine di custodia cautelare accogliendo una richiesta del pubblico ministero Claudia D'Alitto, e si è sottoposta al rituale interrogatorio di garanzia.



IL SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI SIRACUSA DEL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook