Pachino, cantieri fermi per la metanizzazione Intesa con «Italgas»: ripartono i lavori

PACHINO. Ripartono i cantieri del metano: è stato trovato l'accordo tra amministrazione e Italgas. E il sindaco, Paolo Bonaiuto, già ieri ha revocato l'ordinanza di blocco ai cantieri. «Alla fine dei lavori - ha annunciato il sindaco - tutte le strade saranno riasfaltate». Ieri mattina al palazzo municipale di via XXV Luglio si è svolto un vertice tra il sindaco, Paolo Bonaiuto, l'assessore ai Lavori pubblici, Sebastiano Rosa, i rappresentanti dell'Italgas, Nunzio Ingiusto, Salvatore Malta, Santi La Rosa e Lorenzo Capace, e i rappresentanti delle ditte «Solesi» e «Amica». L'obiettivo era trovare un accordo per ripartire con i lavori e sistemare le strade. «Abbiamo raggiunto l'accordo - ha detto Paolo Bonaiuto - e revochiamo un'ordinanza fatta perché stanchi delle tante, e giuste, lamentele dei cittadini per le condizioni in cui si trovavano le strade interessate dai cantieri per la metanizzazione».
La novità tecnica più importante è che sarà costituita una commissione di vigilanza, formata da un rappresentante del Comune ed uno dell'Italgas. «La commissione - ha continuato Bonaiuto - andrà una volta a settimana a verificare lo stato dei lavori che sono stati fatti. Fermo restando che saranno fatti accertamenti approfonditi su quanto già fatto, soprattutto dove strade hanno ceduto per causa della pioggia». La società di Torino, da capitolato, dovrebbe garantire l'asfalto di due metri della carreggiata interessata, al termine dei lavori ”ma - ha proseguito il sindaco - è stato trovato un accordo extracapitolato per la sistemazione integrale con asfalto di tutte le strade. Questo è l'impegno che ha preso la ditta con la nostra amministrazione comunale”.
Dopo l'ordinanza di ”stop” ai lavori di metanizzazione firmata a dicembre dal sindaco, l'ultimo cantiere, prima di Natale, è stato chiuso in viale Sebastiano Fortuna, per Marzamemi, causando non pochi problemi al traffico veicolare. La conclusione dei lavori di realizzazione delle opere per la metanizzazione, che hanno un costo complessivo di più di 12 milioni di euro, sarebbe prevista entro diciotto mesi: dunque, nella primavera del 2015 le condutture del metano avrebbero dovuto raggiungere tutte le abitazioni dei cittadini pachinesi. «Nonostante qualche difficoltà - ha aggiunto Paolo Bonaiuto -, quello della primavera del prossimo anno è un termine che la società vuole rispettare a tutti i costi». I lavori sono ripresi già ieri pomeriggio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook