Code in Farmacia a Siracusa, Baio e Spataro: «Dimenticati i diritti dei malati»

SIRACUSA. «Non è un casuale episodio di disorganizzazione, ma la spia, se non di una insensibilità, di una scarsa attitudine culturale e organizzativa dell’Asp a mettere al primo posto i diritti del malato». Non risparmiano critiche Salvo Baio del Pd e Carmelo Spataro del Megafono sui disagi lamentati dal paziente Emanuele Cappuccio costretto ad attendere sette ore in fila davanti al reparto di Farmacia dell’«Umberto I». «Stupisce il silenzio dei parlamentari - aggiungono - che a turno annunciano fantomatici nuovi ospedali e fantasiose strutture d’eccellenza, ma che perdono di vista i problemi concreti delle persone. Zitti i sindacati, troppo presi dalla gestione quotidiana di turni, orari, straordinari, trasferimenti. Nella sanità siracusana vi sono vaste aree di onesto lavoro e di grande professionalità, ma l’impegno per umanizzare l’assistenza, per migliorare il rapporto tra la struttura e il malato è del tutto inadeguato e la denuncia di Cappuccio ne è una prova». Intanto l’Asp ha deciso che il primo ciclo di terapie per i pazienti ricoverati in ospedale e in dimissione verrà consegnato in reparto. «Nella constatazione che le condizioni strutturali dell’ospedale stanno rendendo difficile l’individuazione di nuovi locali dove trasferire la Farmacia - afferma il commissario Mario Zappia -, la direzione aziendale è impegnata già da tempo a migliorare e rendere più funzionale ed agevole il servizio». La circolare per i direttori dei reparti è stata disposta dal direttore facente funzioni della Farmacia del distretto ospedaliero «Siracusa 1» Giovanna Cacciaguerra. Ma l’Asp ricorda che l’erogazione dei farmaci viene fatta anche nella struttura della Pizzuta in viale Epipoli. Da qui l’invito dell’azienda, non solo ai diabetologi ma anche agli altri pazienti a rivolgersi alla farmacia della Pizzuta per evitare le code all’Umberto I. Inoltre da circa un mese la direzione aziendale ha avviato un progetto per la revisione della distribuzione dei farmaci in ospedale, che è già partito nel reparto di Oncologia e del Pronto soccorso. Fe.Pu.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook