Melilli, 3 assessori lasciano la giunta Cannata: «Completato il rimpasto»

MELILLI. Hanno presentato ieri mattina le proprie dimissioni i tre assessori che componevano la giunta del sindaco di Melilli, Pippo Cannata. Lasciano così l’incarico assessoriale Salvo Sbona, Mirko Caruso ed Arcangela Palmeri, che seguono la strada tracciata alcune settimane fa da Sebastiano Zappulla. L’unica che mantiene il proprio posto in giunta sarà Arcangela Palmeri in quota Udc che sarà rappresentato anche da Corrado Mascali. Entrano poi Salvo Midolo in quota Pd e Massimo Magnano eletto nella lista «Melilli dei valori». Sbona aveva le deleghe alla Pubblica istruzione, cultura e problematiche giovanili ed era stato eletto nella lista "Generazione futura" andrà a ricoprire l'incarico di presidente del consiglio comunale, dopo le dimissioni formalizzate nei giorni scorsi da Pippo Sorbello che oltre ad essere parlamentare regionale manterrà il posto di consigliere. Mirko Caruso, eletto con Grande Sud, e che ha fino a ieri mantenuto le rubriche ai Lavori pubblici, ambiente, igiene, tributi e patrimonio. Caruso resta consigliere comunale.Salvo Midolo del Pd, secondo indiscrezioni, andrà a fare il vicesindindaco. Il volto nuovo della squadra assessoriale è rappresentato da Corrado Mascali, esterno all'amministrazione comunale, pensionato dell'Arma dei carabinieri. Le rubriche, ad eccezione di quelle di Palmeri che dovrebbero essere riconfermate, restano tutte da ancora assegnare e verranno mantenute fino alla riunione in programma oggi ad interim dal sindaco Pippo Cannata. «Dopo le dimissioni ho proceduto nella stessa giornata a ricostituirne una nuova - ha detto Cannata - si tratta del primo rimpasto dopo le elezioni del maggio 2012. Era necessario ricompattare l'equilibrio all'interno delle forze della coalizione. La decisione è stata accelerata dopo le dimissioni presentate dal vicesindaco Sebastiano Zappulla che ha svolto un importante lavoro durante i mesi in cui ha collaborato con l’amministrazione quando ha fatto parte attiva della giunta». Da sciogliere resta proprio il nodo tutto interno al Pd che con un documento ufficiale firmato dal segretario cittadino Sebastiano Zappulla e dai componenti del direttivo del circolo e dai Giovani democratici hanno ufficializzato l'uscita dalla coalizione che resta formata da Udc, Generazione futura, Grande Sud, e Melilli dei valori. Sullo sfondo ci sono le divergenze all’interno delle diverse aree del Pd. Mentre a Melilli si attende la convocazione del nuovo congresso cittadino, si registra lo scollamento interno con i due consiglieri comunali Salvo Midolo e Vincenzo Coco che avevano presentato una mozione di sfiducia contro Zappulla e che potrebbero adesso essere espulsi dal partito, dopo la richiesta inviata proprio da Zappulla alla commissione regionale di garanzia del Pd. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook