Rosolini, visita della Finanza al Comune Prelevati gli atti del piano commerciale

Siracusa, Archivio

ROSOLINI. L’approvazione del Piano urbanistico commerciale sotto la lente di ingrandimento della Guardia di Finanza.   I militari delle Fiamme gialle hanno fatto “visita” nella sede del Comune, in via Roma, e hanno prelevato, dalla segreteria, tutta la documentazione inerente l’approvazione del Puc da parte del consiglio comunale avvenuta il 21 marzo 2011.   Non si conoscono al momento i dettagli dell’operazione della Guardia di Finanza anche se ad essere state prelevate sono tutte carte che hanno tenuto banco per più di tre anni in consiglio comunale dove non è mancato lo scontro tra maggioranza e opposizione circa l’approvazione o meno del piano di lottizzazione nell’area in cui dovrebbe sorgere il mega centro commerciale in contrada Zacchita. E’ stato proprio l’approvazione del Piano urbanistico commerciale, infatti, a mettere tutte le carte in regola per la nascita delle grandi strutture di vendita di livello superiore a 5000 metri quadrati. Anche se il successivo atto di approvazione del piano di lottizzazione è stato alquanto controverso. Per ben due volte, infatti, dopo l’approvazione del Puc, la maggioranza è stata battuta in aula da un’opposizione che ha negato l’approvazione del piano di lottizzazione nonostante il progetto della Ma.Pi. Srl di Catania, ditta che vuole costruire il centro commerciale in contrada Zacchita, avesse tutte le carte in regola per poter essere realizzato. Dopo il ricorso della stessa Ma.Pi., il Tar di Catania ha inteso sospendere in autotutele le due delibere di diniego in attesa di congrue motivazioni urbanistiche, ma il nuovo consiglio comunale, su proposta del consigliere comunale Adriano Giannì, ha provveduto a revocare in autotutela le due delibere di diniego e ad approvare il piano di lottizzazione. Alla vicenda sembra adesso essere interessata la Guardia di Finanza.Il sindaco Corrado Calvo, impegnato ieri mattina a Messina in una riunione al Consorzio autostradale siciliano, non sembra essere informato dei motivi che hanno spinto le Fiamme Gialle a prelevare le carte al Comune. «So che c’è stato un interessamento della Guardia di Finanza –ha detto Calvo-, ma non so esattamente di cosa si tratti. Non appena rientrerò a Rosolini cercherò di capire bene la situazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X