Siracusa, Archivio

Refezione scolastica, trovati i soldi ad Avola Cannata: «Il servizio sarà avviato»

AVOLA. Servizio di refezione scolastica in salvo e la certezza che sarà avviato da gennaio 2014, non appena si concluderà la fase di gara d'appalto di affidamento del servizio ancora in corso. E' stato ieri sera lo stesso sindaco Luca Cannata ad annunciare di aver trovato i soldi in bilancio per garantire il servizio di refezione, dopo che lunedì scorso nell'incontro con i dirigenti scolastici aveva preannunciato che il Comune non era in grado di poter garantire quest'anno il servizio per il forzoso taglio operato dallo Stato dei trasferimenti al Comune avolese. L'ultimo " taglio" ammonta a 784 mila euro, notificato l'11 novembre scorso. Alle prese fino a ieri a tarda sera al municipio assieme ai funzionari del dipartimento Lavori Pubblici e settore finanziario per la riprogrammazione dei conti in bilancio a seguito dei tagli finanziari dello Stato, nella sua qualità anche di assessore ad interim al bilancio, il sindaco Cannata alla fine pare sia riuscito a reperire i soldi per garantire l'avvio del servizio nelle scuole, riuscendo a salvaguardare in questo le famiglie, alunni e delle stesse maestre che rischiavano di perdere il posto qualora la refezione scolastica collegata al tempo pieno venga eliminata. " Abbiamo lavorato due giorni e fino a questo momento per trovare i soldi per garantire il servizio e dare certezze a genitori, docenti e dirigenti scolastici, con quest'ultimi che già avevano indicato l'impossibilità di poter gestire loro stessi il servizio.- ha dichiarato ieri sera Cannata- Abbiamo indetto la gara per l'affidamento triennale del servizio per evitare ogni anno lo stop e il ritardo del servizio ad inizio di anno scolastico, ma ci siamo trovati di fronte con i conti del bilancio per i tagli decisi dallo Stato. Quindi non vi erano le disponibilità certe per pagare la ditta fornitrice che si aggiudicherà il servizio." In ogni caso non ci siamo scoraggiati , - continua Cannata- e quindi ho ricercato ogni soluzione possibile, dopo che la mia richiesta ai docenti non ha dato esito positivo. Motivo per cui abbiamo fatto tutti i calcoli possibili, anche anticipando le previsioni di rendiconto. Sulle somme per garantire la refezioni, che già ha trovato la soddisfazione delle docenti e genitori, il sindaco spiega: " Tra le misure importanti che abbiamo messo in campo da quando ci siamo insediati c'è quello del risparmio energetico, con le azioni messe in campo dell'installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti degli immobili comunali, la ri-contrattualizzazione del contratto con l'Enel, e quindi più agevoli per noi, così come l'adesione alle direttive della convenzione sull'energia sottoscritta da me a Bruxells, e che ci porteranno ad un risparmio sui costi per il Comune per circa 200 mila euro annue, che potremmo quindi utilizzare per garantire il servizio alla cittadinanza a partire da gennaio prossimo e per il triennio." Allo stesso modo, - conclude il sindaco- questo ci permette di non tagliare le spese che sono destinate alle tradizioni e al turismo della città, come qualcuno facendo la solita demagogia aveva proposto. Dunque garantiremo il servizio per il prossimo triennio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati