Avola, un albero per ogni neonato E ora la città si colora di verde

AVOLA. Venticinque alberelli di ulivo e mandorlo piantumati per altrettanti bambini nati in città quest'anno, con ogni pianta dedicata ad ogni singolo neonato a memoria del lieto evento e per sensibilizzare le generazioni future alla cura e al mantenimento del verde pubblico. Una manifestazione nel segno del «pollice verde», ieri mattina al Centro Culturale-Giovanile di viale Mattarella, dove si sono ritrovati assieme amministratori comunali, studenti con i rispettivi docenti, associazioni ambientaliste (Acquanuvena) e numerosi genitori con i loro piccoli neonati, per partecipare alla festa della «Giornata Nazionale dell'Albero» con incluso l'evento «Un albero per ogni nato». Quest'ultima iniziativa è stata avviata quest'anno dall'amministrazione così come prevede la legge nazionale 10/2013 sul ripopolamento boschivo, che prevede che per ogni minore registrato all'Ufficio anagrafe del Comune venga piantumato un alberello anche a memoria del lieto evento.


Ieri mamme e papà con passeggini e piccoli in braccio, dopo gli interventi sull'iniziativa del sindaco Luca Cannata, dell'assessore all'Ecologia Sebina Caruso, del professore dell'Ipaa Paolo Tiralongo, di alcuni alunni della media Vittorini e Bianca, del presidente dell'Associazione Acquanuvena Saro Cuda, hanno piantumato sull'area del terreno comunale antistante il Centro Giovanile (pista da ciclo-cross) complessivamente 23 alberelli di ulivo e due di mandorlo, opponendovi nel paletto di legno interrato a sostegno della pianta una singola targhetta con il nome e cognome del piccolo neonato. Ai genitori anche il compito di curare e assistere la pianta durante la crescita.


La piantumazione degli alberelli proseguirà il prossimo mese nelle altre aree di terreno individuate. Il sindaco Cannata, neo-papà, con la moglie Nicoletta e il figlio Corrado Flavio, è stato il primo a pintumare l'alberello di ulivo dedicato al figlio. Un progetto ambientale realizzato con la collaborazione degli studenti e docenti della sezione Ipaa del Mattei, che hanno fatto da tutor ai colleghi delle medie Bianca e Vittorini, ringraziati dal primo cittadino il quale nel condannare quei cittadini che continuano a deturpare e sporcare il territorio con immondizia e discariche a cielo aperto, ha detto che «è necessario da parte di tutti, scuole, associazioni, cittadini, sensibilizzare e far comprendere il valore del territori, e questo nostro piccolo gesto di piantare un alberello possa rappresentare per mio figlio e i vostri figli motivo per la tutela e la cura dell'ambiente, fonte di vita e di speranza».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook