Metanodotto di Pachino, scoppia il «caos»

PACHINO. «Le strade sono ridotte in condizioni pietose dagli scavi del metanodotto: il Comune deve intervenire per porre rimedio». Da quando sono cominciati i lavori per la rete del metano in città, da prima dell'estate, le polemiche sugli scavi si moltiplicano giorno dopo giorno. Ovvero, dal momento in cui viene aperto un nuovo cantiere in un angolo di città. Le strade in cui sono stati effettuati i lavori sono quasi integralmente distrutte. A sollevare la problematica, raccogliendo centinaia di lamentele dei cittadini, è stato il consigliere comunale del Partito democratico, Roberto Bruno. «L'amministrazione comunale - ha raccontato Bruno - , durante l'ultimo consiglio svoltosi un mese fa, aveva dato tutte le garanzie che le strade cittadine sarebbero state rifatte ripristinando le originarie condizioni ed anzi, laddove le strade presentavano visibilmente condizioni disagiate, la realizzazione dei lavori per la metanizzazione sarebbe stata l'occasione per rimettere mano definitivamente alle strade cittadine». Così non è stato perché le strade, che già non godevano di ottima "salute", adesso sono quasi impraticabili. «Questi lavori - ha continuato il consigliere del Pd - lasciano notevolmente perplessi, perché gli scavi non vengono poi colmati come dovrebbero essere e rimangono non solo ben visibili ma rendono le strade di difficile percorribilità. Non mi è chiaro se è in corso un'attività di controllo dei lavori da parte del Comune, per verificare che siano completati». Dopo gli scavi, nella maggior parte dei casi, stando alla denuncia del consigliere democratico, vengono ricoperte di terra e non riasfaltate. «I lavori di metanizzazione - ha proseguito Roberto Bruno - che dovevano finalmente portare lustro e modernità alla città, pare che si stiano svelando come una beffa per i pachinesi. Esattamente come per la piscina e tutte le altre opere mirabili vantate dal sindaco e dall' amministrazione ma poi non realizzate. Il comune deve necessariamente intervenire per garantire il ripristino delle strade». Pochi giorni fa c'è stato un incontro tra la società Italgas di Torino, che ha vinto la gara d'appalto, e l'amministrazione comunale. «Ho intimato - ha chiarito il sindaco, Paolo Bonaiuto -, i responsabili di Italgas a sistemare con criterio le strade, altrimenti disporrò la sospensione dei lavori della metanizzazione. Su questo non transigeremo». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X