Bilancio, lo Stato taglia altri 6 milioni Garozzo: «Manovra irresponsabile»

SIRACUSA. Dal bilancio di previsione ”spariti” 6 milioni di euro. La giunta comunale avrebbe dovuto nella seduta di ieri pomeriggio procedere all’approvazione dello strumento finanziario di previsione e invece tutto è stato rinviato di 48 ore dopo la comunicazione da parte del governo centrale di una ulteriore taglio ai trasferimento dello stato, sul bilancio di quest’anno, di sei milioni. Una vera e propria ”stangata” per le casse di palazzo Vermexio e per la giunta del sindaco Giancarlo Garozzo impegnata fin dal suo insediamento a far ”quadrare” i conti ed un ”bilancio” praticamente già impegnato. «Siamo dinanzi ad un atto assolutamente irresponsabile da parte del governo - dice il sindaco Giancarlo Garozzo - giunta e uffici hanno fatto in salti mortali per mettere in equilibrio un bilancio che tra l’altro abbiamo ereditato. E finalmente quando ne siamo venuti a capo ecco che arriva un’altra stangata, praticamente a fine anno». «Interventi così pesanti - ha aggiunto il primo cittadino - non possono essere assunti con leggerezza e soprattutto all’improvviso». «Domani torneremo a ridiscutere dello strumento finanziario - dice l’assessore al Bilancio Santi Pane - nel frattempo abbiamo dato indicazioni agli uffici ed al ragioniere capo di reimpostare la manovra, individuando le modalità di intervento per procedere all’azione di copertura di questi 6 milioni di euro in meno di trasferimenti. Un milione lo recupereremo dagli accantonamenti, e per il resto procederemo ad una serie di aggiustamenti».   «Ci siamo imposti - ha aggiunto Garozzo - di non tagliare servizi essenziali o aumentare la tassazione, ma tagli di questa entità sono insostenibili».   Via libera intanto al regolamento Imu. È stata recepita la richiesta di assimilare all’abitazione principale le abitazioni in comodato d’uso che un genitore destina ai figli. «Un segnale importante - ha detto Pane - ma che implica una serie di condizioni. Le abitazioni in questione devono infatti non devono essere case di pregio e il reddito del nucleo familiare del figlio che ne usufruisce non deve superare i 24 mila euro l’anno». Le agevolazioni Imu erano state sollecitate ieri dai consiglieri comunali di Progetto Siracusa Salvo Sorbello e Massimo Milazzo che hanno evidenziato l’urgenza di portare il regolamento Imu in aula. «Con l’obiettivo - hanno detto Sorbello e Milazzo - non solo di non applicare la Tares, con un risparmio per le famiglie e le imprese siracusane di più di 10 milioni di euro, ma anche per conoscere le agevolazioni Imu per gli immobili e per le relative pertinenze concesse ai parenti in linea diretta». «sarà poi possibile - hanno detto i due consiglieri - applicare il taglio dell’Imu anche agli immobili posseduti da personale delle forze armate, forze di polizia e vigili del fuoco». Approvato anche il piano di alienazione dei beni comunali. «Un piano che è stato arricchito di cinque nuov proprietà del Comune - ha spiegato Pane - tra cui spicca la villa di viale santa Panagia dove ha attualmente sede il circolo del Giardino. Ed ancora i mini appartamenti sovrastanti l’istituto di musica Privitera, ed alcuni terreni in via Lazio , 4.600 metri quadrat, via Monte Nebrodi, 18 mila e a Terrauzza, 50 mila metri quadrati». Beni che potrebbero tornare utili al nell’ambito di operazioni di acquisto di nuovi immobili in cui trasferire uffici attualmente in locazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati