Tre auto incendiate nella notte a Siracusa, nel mirino pure un disoccupato

Una delle vetture distrutte è di proprietà di una donna. S’indaga sulla matrice dei roghi
Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Un’altra notte di incendi in città. Sabato sono state tre le vetture date alle fiamme poco dopo la mezzanotte in tre diversi punti della città, in centro e alla periferia. Un primo intervento poco dopo mezzanotte in via Re Ierone I: qui gli agenti delle Volanti della questura sono stati chiamati da alcuni residenti per l’incendio di un’autovettura, una «Hyundai Atos», che appartiene a un disoccupato siracusano.  Sul posto è intervenuta anche una squadra dei vigili del fuoco che ha provveduto a spegnere le fiamme e ad avviare le indagini. Non si esclude il dolo all’origine delle fiamme. Quasi un’ora dopo un altro incendio stavolta in via Servi di Maria: qui le fiamme hanno interessato un’autovettura «Fiat Panda», il cui proprietario possiede una ditta di sicurezza. L’auto è stata totalmente distrutta, mentre le fiamme in poco tempo hanno danneggiato anche una «Fiat 600» che era parcheggiata vicino all’altra autovettura. Anche in questo caso gli agenti delle Volanti sono intervenuti sul posto. Al vaglio degli inquirenti eventuali tracce lasciate da chi ha incendiato la prima vettura. L’ultimo intervento dei vigili del fuoco è stato alle 2,17 in corso Timoleonte per l’incendio doloso di un’autovettura «Lancia Y», di proprietà di una donna di origine tunisina. Le indagini sui tre diversi episodi che si sono verificati sabato notte sono adesso al vaglio della Squadra mobile della questura che proverà a individuare se ci siano elementi in comune tra i diversi incendi: da comprendere se all’origine dei tre roghi, quasi tutti dolosi, si celi qualche avvertimento nei confronti di qualcuno dei proprietari dei mezzi oppure si sia trattato di una bravata.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook