Immigrazione, due barconi soccorsi nel Canale di Sicilia: 250 a Siracusa

PALERMO. Due barconi, ciascuno con a bordo circa un centinaio di migranti, sono stati soccorsi in nottata nel Canale di Sicilia. Le imbarcazioni sono state prima intercettate dalle nave della Marina Militare Maestrale, impegnata nell'operazione di pattugliamento del Mediterraneo decisa in seguito agli ultimi naufragi, e successivamente 'agganciate' da due motovedette della Guardia Costiera. Poco prima di mezzanotte, gli immigrati sono stati trasbordati sulle unità, che adesso stanno facendo rotta verso un porto della Sicilia Sud Orientale.

Sono arrivati al porto grande di Siracusa due motovedette della Guardia costiera con a bordo
circa 250 migranti, per lo più sedicenti siriani ed alcuni egiziani, che erano stati soccorsi nel pomeriggio ieri a circa 100 miglia a sud est di Capo Passerò dai mezzi del dispositivo di pattugliamento Mare nostrum.

A bordo del barcone c'era anche una donna che durante la navigazione ha dato alla luce una bambina. La piccola assieme alla mamma appena giunta in porto e stata subito trasferita in autoambulanza all'ospedale Umberto I per essere sottoposta a controlli nella divisione di neonatologia. Il ricovero in ospedale, in via cautelativa, si è reso necessario anche per un'altra donna in avanzato stato di gravidanza.

L'altra imbarcazione, con circa 150 migranti a bordo è rimasta al largo e la sua posizione è controllata dalla nave 'Maestrale' della marina militare. I migranti saranno imbarcati su dei mezzi italiani e condotti in un porto della Sicilia.

Si chiama Hammad la bambina siriana venuta alla luce durante l'ultima traversata conclusa stamane al porto grande di Siracusa. La piccolina, come ha spiegato la mamma - una donna di 30 anni - è nata alle 8 del mattino del 18 ottobre sul barcone. La neonata è stata condotta al pronto soccorso dell'ospedale e quindi trasferita nella divisione di neonatologia dove è stata visitata. Pesa 2 chili e 130 grammi e, compatibilmente con le condizioni nelle quali è venuta alla luce, il suo quadro generale appare complessivamente soddisfacente. Hammad è l'ultima di cinque figli: sul barcone che è stato soccorso ieri a circa 100 miglia a sud est di Capo Passero si trovavano anche i genitori ed i quarto fratelli maggiori. La piccolina, quando è' stata pesa in consegna dai militari della Guardia Costiera era stata simbolicamente, e temporaneamente, chiamata col nome di Marina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X