Siracusa, cinquemila fedeli riuniti al Santuario Alimondi: «Non lasciarsi spaventare»

SIRACUSA. «Abbiamo sempre bisogno di camminare guidati dalla luce del Signore». È questo il messaggio che padre Guglielmo Alimonti ha voluto lanciare durante il raduno regionale dei gruppi di Preghiera di Padre Pio. Quasi 5 mila fedeli si sono ritrovati ieri mattina al Santuario della Madonna delle lacrime per il tradizionale incontro annuale. Ad accoglierli il rettore del Santuario, don Luca Saraceno che insieme al coordinatore regionale dei gruppi, padre Enzo La Porta, e alla presenza di monsignor Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, ha aperto il convegno nella basilica superiore del tempio mariano. A salutare i fedeli anche l'arcivescovo Salvatore Pappalardo.
Nella sua testimonianza, padre Alimondi, consigliere generale e assistente regionale dei gruppi di preghiera dell'Abruzzo ha ricordato la figura di Padre Pio definendo "una grazia e un incanto" l'incontro con il frate di Pietrelcina.


Padre Alimondi ha poi spiegato come ”in Padre Pio c'era il continuo desiderio di incontrare Dio, ogni giorno. E noi dobbiamo seguire quell'esempio perché lui non si è mai spaventato e ha sempre continuato ad abbracciare Dio”.


L'invito a tutti i presenti, per questa ragione, è stato quello di ”ringraziare il Signore per l'amore che ci dà e per la forza e il sostegno nell'affrontare le sofferenze”. I pellegrini, durante la giornata hanno visitato l'oratorio di via degli Orti e, in cripta, hanno anche pregato davanti il reliquiario passando fazzoletti e pezzi di cotone sul vetro della teca sistemata ai piedi dell'altare. Nel pomeriggio, alle 16, è stato monsignor Castoro a presiedere la celebrazione eucaristica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook