Immigrati, ambulatorio attivo fino a novembre

Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Fino a novembre sarà operativo l’ambulatorio mobile di Emergency al centro di accoglienza temporanea «Umberto I». È stato prorogato il servizio sancito a luglio con il protocollo d’intesa tra Prefettura, Asp e Comune. Il 3 ottobre si è provveduto al rinnovo dell’intesa per consentire agli operatori di continuare ad occuparsi del controllo degli immigrati che una volta sbarcati sulle coste del Siracusano vengono portati nel centro Umberto I. Inoltre il nuovo accordo prevede un incremento degli operatori di Emergency addetti al servizio, che sono passati da 4-5 a 7-8. In questo servizio è stato anche coinvolto l’Istituto autonomo case popolari, che ha messo a disposizione degli operatori, durante la loro permanenza in città, degli alloggi dove poter risiedere. L’ambulatorio si occupa dell’assistenza sanitaria agli extracomunitari: opera un’equipe medica, composta da diverse figure, che ha il compito di visitare i migranti e poi, se è necessario, stabilire una visita di secondo livello, cioè specialistica. E ha un ruolo importante anche l’ufficio territoriale stranieri dell’Asp: qualora gli immigrati hanno bisogno di accedere al Cup per una prenotazione, per evitare troppe attese, si attiva un collegamento con i referenti del territorio e ospedalieri. Finora sarebbero oltre diecimila gli immigrati che sono stati assistiti. «Quest’azione di sinergia che si è creata - spiega la responsabile dell’ufficio territoriale stranieri dell’Asp Lavinia Lo Curzio - è fondamentale per fornire quell’assistenza sanitaria necessaria ai tanti immigrati che arrivano nelle nostre coste». Fe.Pu.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X