Autostrada per Gela, lavori infiniti Una nuova rivoluzione alla viabilità

SIRACUSA. Una nuova rivoluzione alla viabilità per realizzare la seconda barriera a Cassibile, lungo l’autostrada per Gela. Dopo l’incidente che ha coinvolto il presidente della Regione, Rosario Crocetta, proseguono gli interventi lungo l’asse viario che attualmente unisce la città a Rosolini.


Per tutta la giornata di ieri, gli operai incaricati dal «Cas», il Consorzio autostrade siciliane, hanno portato avanti gli interventi per consentire di deviare il traffico in direzione Rosolini sulla carreggiata opposta. «Stiamo proseguendo il progetto di realizzazione dei caselli all’altezza di Cassibile - ha spiegato Corrado Magro, responsabile di zona del ”Cas” -. Per questa ragione già da oggi nella carreggiata verso Siracusa, all’altezza della barriera già ultimata, sarà in vigore il doppio senso di circolazione». Per rendere più sicuro il tratto, ieri sono anche stati sistemati i «new jersey» bianchi e rossi, proprio all’altezza della barriera dove si è verificato l’incidente che ha coinvolto Crocetta, il suo segretario e gli uomini della scorta.


«Prima i ”new jersey” non erano necessari perchè il traffico era solo in una direzione - ha aggiunto Magro -, adesso, anche per una maggiore sicurezza li abbiamo posizionati. Questo comunque non vuol dire che nei giorni scorsi non ci fossero le condizioni di sicurezza nell’area della barriera di Cassibile». Già questa mattina, intanto, gli operai saranno al lavoro nella carreggiata in direzione Rosolini. «La prima fase prevede lo smantellamento della pavimentazione - ha aggiunto Magro - per poi procedere con la realizzazione delle ”piste” e delle isole. Per quanto riguarda i tempi, contiamo di completare l’intervento entro 60 giorni».


Rispetto all’incidente di sabato sera, intanto, il Codacons ha precisato, attraverso il presidente provinciale Bruno Messina, che la diffida verrà presentata solo nei confronti del Consorzio autostrade siciliane per garantire la sicurezza del tratto. Sulle condizioni dell’autostrada per Gela insorgono anche i sindacati. «È stata fatta una cattiva programmazione dei lavori - ha sottolineato Paolo Gallo, segretario territoriale della Filca, il sindacato degli edili della Cisl di Siracusa e Ragusa - che mette in pericolo la sicurezza degli automobilisti».


Duro il commento di Gallo. «I caselli sono stati realizzati senza un criterio logico - ha detto il segretario della Filca Cisl - e la pericolosità è stata più volte segnalata, senza che né il Cas e neanche la deputazione siracusana presente all'Ars abbia fatto qualcosa. L'esempio della mancata pianificazione dei lavori lungo questo tratto dell'autostrada che collega da Siracusa a Rosolini si riscontra anche sullo stato del manto stradale che presenta troppi avvallamenti. Finora sono stati inutili tutti i lavori di manutenzione tra Cassibile e Avola che dovranno essere completati nel tratto tra Noto e Rosolini. Imbarazzante anche la situazione dei guardrail.


Inutile decidere di imporre il pedaggio se si tiene in queste condizioni un'autostrada che è ancora incompleta e che per realizzarla non sono neanche bastati trent'anni». Rispetto all’avvio dei lavori per i lotti fino a Modica, Gallo ha poi ribadito che «va garantito l'impiego della manodopera locale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook