Augusta, i genitori degli studenti pendolari: «Paghiamo troppo di contributo bus»

AUGUSTA. Rivedere la quota di compartecipazione degli abbonamenti per il trasporto degli studenti pendolari alle scuole superiori di Siracusa e Lentini. Lo chiedono i genitori degli studenti, che domenica mattina si sono riuniti per discutere del problema del costo, ritenuto eccessivo degli abbonamenti, che da quest'anno scolastico nono sono più gratuiti. I genitori ieri mattina hanno protocollato al Comune una richiesta indirizzata alla commissione straordinaria che gestisce l'Ente che quest'anno, per i noti problemi economici e anche perchè sono sempre più ridotti i trasferimenti della Regione rispetto al trasporto gratuito degli alunni, ha introdotta il sistema della compartecipazione al costo dell'abbonamento.


"Abbiamo chiesto alla commissione prefettizia del Comune- ha fatto sapere Marzia Peri e Sabina Longo, due mamme tra le prime firmatarie della petizione- di rivedere le compartecipazione prevedendo due sole quote sia per la tratta Augusta-Siracusa che per Augusta-Lentini e cioè di far pagare 10 euro mensili a quelle famiglie che hanno zero reddito e, quindi, non possono permettersi di pagare oltre e la somma, invece, di 40 euro mensili per tutti gli altri. Queste quote saranno corrisposte dagli utenti interessati entro il trenta settembre e per i successivi mesi, per quanti hanno già pagato la quota relativa all'indicatore Isee saranno richiesti i relativi rimborsi".


I genitori hanno anche chiesto un incontro alla commissione prefettizia, che da quest' anno scolastico ha introdotto le quote di compartecipazione che variano in base al reddito della famiglia di appartenenza. La quota viene definita attraverso l'indicatore Isee per fasce di reddito e parte da un minimo del 10 per cento per Isee equivalente a zero euro che corrisponde a 10 euro mensili per l'abbonamento della tratta Augusta- Siracusa e a 8,50 per quella, invece, che da Augusta arriva fino a Lentini. A seguire la compartecipazione del 40 per cento per Isee tra 0,1 e 10 mila euro, pari a 39 euro per un mese di trasporto con l'Ast e 34 euro con lo Scionti. Pagano, invece, 68 euro mensili per raggiungere le scuole di Siracusa e 59, 50 per quelle di Lentini gli studenti le cui famiglie hanno un reddito Isee compreso tra 10 mila e un euro e 20 mila, che prevede la compartecipazione del 70 per cento. Il costo del trasporto è, invece, a totale carico del passeggero, il cui Isee di riferimento supera i 20 mila euro annui ed è pari a 96,60 per l'Ast e 84,90 per lo "Scionti".
Ieri mattina intanto alle 6,45 dal capolinea di via Caracciolo sono partiti due pullman di studenti per Siracusa oltre a quello di linea, lamentele invece per gli autobus dello Scionti delle 7,35 e di qualche minuto dopo non partono più dal capolinea, ma dal lungomare Rossini, con problemi per chi abita nel centro storico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X