Immigrazione, fermati a Siracusa tre presunti basisti egiziani

SIRACUSA. Due egiziani residenti a Siracusa (Amir Qat di 44 anni, e Abdou Ghedu, detto Mohamed, 31 anni, pescatore) e un terzo residente a Vittoria, nel Ragusano, Mohamed Elsayed, alias Said Darwish, 22 anni, sono stati fermati con l'accusa di essere la "cellula" operativa nella Sicilia orientale che gestiva a terra gli sbarchi di immigrati partiti soprattutto dalle sponde egiziane.

I tre sono stati bloccati nell'ambito dell'indagine che nei giorni scorsi aveva portato al sequestro di un motopesca di altura utilizzato come "nave madre" in diversi sbarchi. A carico dei tre fermati oltre a diversi indizi, a cominciare dal riscontro della loro costante presenza a terra in numerosi degli sbarchi verificati si negli ultimi mesi sulla costa sud orientale della Sicilia, soprattutto una serie di intercettazioni telefoniche con l' "armatore" della nave madre che, dopo il sequestro del natante, ha iniziato a tempestare di telefonate i tre egiziani sollecitando l'avvio di azioni, anche
legali, per ottenere il dissequestro dell'imbarcazione.

Da un'altra intercettazione e' anche emerso che nei giorni di maggior afflusso di migranti sulle coste siciliane ciascuno dei reati arrivava a guadagnare anche duemila euro al giorno. L'operazione è stata condotta dalle squadre mobili di Siracusa e Catania con lo Sco di Roma ed il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Catania.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook