Tares, in arrivo ad Augusta gli avvisi di pagamento «Pioverà» pure l’aumento delle tariffe

AUGUSTA. Arriveranno anche ad Augusta il prossimo mese i primi avvisi di pagamento della Tares, la nuova tassa predisposta dal Governo nazionale che ingloba il costo della Tarsu e quello dei cosiddetti servizi indivisibili. E si prevede già un aumento dei costi per i cittadini, legato non tanto al servizio di nettezza urbana, che per il 2013 resterà pressochè invariato, quanto proprio a quello dei nuovi servizi aggiuntivi quali manutenzione stradale, illuminazione pubblica che verranno conteggiati in base ai metri quadrati delle abitazioni e costeranno 30 centesimo per ogni metro quadrato.


"Dal primo gennaio 2013 - ha detto il sovrintendente per la gestione finanziaria del Comune, Fortunato Pitrola- la Tarsu è stata abolita ed è stata inglobata nella Tares con cui bisognerà continuare a coprire il costo totale dell'appalto della nettezza urbana, più i servizi indivisibili. Al momento non ci saranno variazioni rispetto al costo della Tarsu del 2012, dall'anno prossimo però la Tares si baserà sul nuovo appalto per la gestione dei rifiuti che terrà conto, ad esempio, anche dei componenti del nucleo familiare, della raccolta differenziata e dovrà comunque essere pagata entro l'anno".


La Tares sarà suscettibile di modifiche, di cui ancora il Comune non è in grado di dare contezza, a partire dal 2014, prossimo quando cioè di delineerà il nuovo appalto dei rifiuti che potrà subire anche delle variazioni di costo, cioè o aumentare o diminuire. E quindi potrà essere rideterminata anche in base al nuovo bando che la commissione straordinaria del Comune sta elaborando per una nuova gestione del servizio che, intanto per tutto quest'anno ormai, continuerà ad essere effettuata dalla "Pastorino", la società che lo gestisce ormai da oltre dieci anni e a cui verrà rinnovato l'incarico con ulteriori proroghe. Già dal mese prossimo quando dovrebbero, dunque, arrivare nelle casse degli augustani gli avvisi di pagamento, che potrà essere effettuato o tramite modello F24 o con bollettino postale.


"Abbiamo già contattato la "Publiservizi" che - ha aggiunto Pitrola- invierà, probabilmente a partire dal prossimo mese di ottobre il primo avviso con il conteggio del costo della prima rata della Tares per ogni abitazione. Non abbiamo ancora deciso quanto saranno le rate, per quest'anno pensiamo due o tre, l' ultima quella di conguaglio con il costo dei servizi indivisibili che arriverà direttamente nelle casse dello stato dovrà essere pagata entro la fine di quest'anno. Stiamo studiando in questi giorni l'apposito regolamento che disciplina la Tares, a regime cioè l'anno prossimo pensiamo di distribuire la tassa in quattro rate annuali".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X