Pachino, la gestione dei rifiuti diventa un caso E la polizia avvia gli accertamenti

PACHINO. Un capitolato dei rifiuti già pronto che sarebbe "scomparso" e una serie di verifiche cominciate ieri dagli agenti del commissariato di via Tafuri sulla gestione degli Rsu. Ieri mattina i poliziotti guidati dal commissario Paolo Arena hanno avviato una serie di controlli sulla vicenda "rifiuti" in città. Niente indagini, ancora, ma solo accertamenti per fare "chiarezza" su una vicenda che si complicherebbe sempre più, oltre alle numerose polemiche che si sta tirando dietro. Per l'ultima quella del consigliere comunale Giuseppe Poidomani, che ha annunciato la presentazione di una interrogazione consiliare sulla gestione dei rifiuti. Documento che finirà alla procura di Siracusa e all'assessorato regionale per l'Energia e la gestione delle acque e dei rifiuti.


"Quando ricoprivo il ruolo di assessore all'Ecologia - ha dichiarato Giuseppe Poidomani -, ho contribuito alla nomina di un esperto del settore, il geometra Francesco Ferla, che, avendo notevole esperienza, avrebbe dovuto redigere il nuovo capitolato di appalto della gestione rifiuti in vista della scadenza del 31 agosto dell'attuale gestione affidata alla ditta Busso. Mi risulta che Ferla aveva redatto il nuovo capitolato secondo le prescrizioni di legge già nel mese di marzo, ampiamente in tempo per la scadenza del contratto. Avrebbe già dovuto essere sottoposto al parere del consiglio comunale ma la bozza è scomparsa e non si capisce che fine abbia fatto. L'esperto è anche stato sollevato dalle sue funzioni, ed invece di fare una nuova gara è stata affidata una proroga alla ditta che gestisce attualmente la raccolta. E non si sa quanto tempo durerà". Per Poidomani la scelta di togliere l'incarico a Ferla, affidandolo al funzionario Maurizio Veletta che, comunque, potrebbe esprimere solo un parere amministrativo e non strettamente tecnico è "un salto nel vuoto e chiedo che il consiglio comunale sia fatto partecipe delle scelte amministrative. Invito, inoltre, i consiglieri a riflettere sulle effettive motivazioni che spingono l'amministrazione ad andare avanti su questo fronte".


Ma Poidomani oltre alla vicenda prettamente amministrativa fa delle considerazione politiche sull'amministrazione guidata da Paolo Bonaiuto. "Invito - ha sottolineato il consigliere ed ex vice sindaco - tutti a prendere coscienza della situazione ed a concludere questa esperienza amministrativa senza più prospettive".


Il sindaco, Paolo Bonaiuto, ha rispedito al mittente le accuse. "Non è vero nulla - ha dichiarato il primo cittadino - non esisteva alcun capitolato, sta dicendo delle cose false. Doveva essere proprio Poidomani, da ex assessore all'Ecologia, a farlo predisporre e sulla mia scrivania non è mai arrivato nulla. Comunque sia, a decidere sul capitolato è l'amministrazione comunale, non un dirigente". Sull'invito di Poidomani ai consiglieri, per terminare anzitempo l'esperienza amministrativa Bonaiuto è stato sarcastico. "Cosa che non faceva - ha concluso il sindaco - quando era vicesindaco. Forse a lui o qualche suo amico adesso non gli conviene più".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook