Noto, la «scommessa» di Bonfanti: «Un parcheggio nel vecchio stadio»

NOTO. Strisce blu e parchimetri: la polemica è servita. Dal prossimo mese, in buona parte della città – specialmente lungo le vie del centro –, torneranno in funzione i parcheggi a pagamento: 80 centesimi il costo per un’ora di sosta. Un intervento ritenuto palliativo da molte persone che ieri mattina hanno assistito, incredule, al posizionamento delle macchinette che distribuiranno i ticket. «Quello che fa più rabbia è che con l’istituzione dei parcheggi a pagamento – dice il signor Corrado, che corrucciato ha assistito alla posa in opera dei totem in piazza XVI maggio e in via Salvatore La Rosa - ben poco è destinato a cambiare nell’assetto viario della città: i posteggi scarseggiavano prima e continueranno a scarseggiare anche ora. In pratica, quelli che prima erano luoghi di sosta libera nel volgere di qualche giorno, come per magia, diventeranno a pagamento: ecco cos’è cambiato. Sono questi i problemi che l’opposizione, se ancora esiste, deve sottoporre all’attenzione del sindaco e della sua amministrazione», prosegue l’affondo. «Dove sono i parcheggi promessi durante la campagna elettorale?», è l’interrogativo che pone un altro signore. Senza attendere l’intervento dell’opposizione, la domanda al sindaco è stata già posta. E c’è anche la replica. «Dal primo settembre porrò grande attenzione al problema dei parcheggi in città», è la risposta secca di Corrado Bonfanti, che sta attendendo il rientro dalle ferie estive di alcuni tecnici del Comune. «Abbiamo diversi programmi in cantiere, ma quello sul quale spenderemo le nostre energie è il progetto, già peraltro redatto, che vuole fare del vecchio stadio di via Angelo Cavarra un grande parcheggio interrato, mantenendo integra la parte rialzata, ossia campo sportivo e velodromo. Anzi, proprio per riqualificare la struttura – continua Bonfanti – abbiamo ottenuto dalla Regione un finanziamento di 1 milione e 500 mila euro. Insieme ai tecnici, avvieremo lo studio di fattibilità e, economizzando i costi, esamineremo le possibilità di riuscita. Ammesso che tutto vada per il verso giusto, avremo un parcheggio sotterraneo in pieno centro che potrà dare ospitalità a oltre cinquecento auto, mentre nella parte rialzata continueranno ad essere sfruttati velodromo e campo da calcio. Ma sarà studiata anche la possibilità di utilizzare il rettangolo di gioco in occasione di manifestazioni di punta». Il progetto c’è: si tratta solo di perfezionarlo senza perdere di vista i costi; ma Bonfanti assicura, se necessario, anche un intervento finanziario del Comune.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati