«Sielte» di Siracusa, undici addetti in cassa integrazione

SIRACUSA. Accordo per l'avvio della cassa integrazione per undici addetti della Sielte, la ditta che si occupa di manutenzione telefonica in città e provincia. Per due unità scatteranno invece le procedure di mobilità. L'intesa è stata siglata tra l'impresa e le segreterie di categoria della Cgil, Cisl e Uil. La cassa integrazione partirà dall'1 settembre per un anno. I dettagli dell’accordo sono stati definiti nella riunione convocata a Roma la scorsa settimana tra l'azienda ed i sindacati. Favorevoli all’intesa si sono espresse le segreterie provinciali di Slc, il sindacato dei lavoratori della comunicazione di Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil. Prevede il ricorso alla cassa integrazione con un programma di formazione per gli addetti in attesa di poter essere reinseriti al termine dei dodici mesi in una nuova struttura operativa. È stato scongiurato inoltre il trasferimento alla sede di Catania. «Un accordo inevitabile - ha spiegato il segretario del settore elettrico per la Slc Cgil, Salvatore Amara - dovuto alle continue riduzioni nelle commesse di lavorazione ed alla pratica sempre più ricorrente del subappalto. A farne le spese sono in questo caso i lavoratori e lo stesso servizio che potrà anche creare dei disagi per l'utenza in caso di danneggiamenti delle linee elettriche e telefoniche, visto che non ci sarà una squadra operativa in città e provincia, ma si dovrà attendere l'arrivo di ditte esterne anche da Catania. Questa cancellazione dei servizi fa seguito a quella già decretata per il prossimo anno da parte di Telecom che chiuderà l'unico call center e il centro di assistenza, solamente per ragioni di budget, senza tenere conto della professionalità acquisita in questi anni dai suoi dipendenti».
 
 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook