Siracusa, Archivio

Stadio, è rottura con il Siracusa: il Comune revoca la convenzione

SIRACUSA. «Abbiamo deciso di interrompere i rapporti con l’Unione sportiva Siracusa». È arrivata ieri la rottura tra il Comune e la società, guidata da Luigi Salvoldi e Marco Mauceri, che ormai più di un anno fa non riuscì a iscriversi al campionato di Lega pro dopo aver sfiorato la promozione in B. L’amministrazione comunale ha deciso di revocare la convenzione che affida al Siracusa la gestione dello stadio «Nicola De Simone». «Abbiamo cercato l’accordo con la società - ha dichiarato il primo cittadino Giancarlo Garozzo - ma ogni tentativo è stato vano».


Per questa ragione la giunta ha avviato l’iter di revoca della convenzione con l’obiettivo di riassumere il controllo dell’impianto entro la prossima settimana. Secondo quanto spiegato dall’amministrazione tra i motivi che hanno portato alla decisione di procedere con la revoca, ”l’impossibilità di una rinegoziazione della convenzione, la mancanza di manutenzione e la situazione di degrado in cui è stato tenuto lo stadio che necessita di interventi straordinari prima dell’imminente inizio dei campionati”. «Rispetto a un anno e mezzo fa - ha dichiarato il sindaco - quando fu firmata la convenzione, le condizioni sono radicalmente mutate ma di questo aspetto la controparte non ha voluto tenere conto».


Il primo cittadino guarda anche al presente e al nuovo sodalizio sportivo che vorrebbe utilizzare l’impianto. «Oggi c’è una nuova realtà che sta prendendo corpo - ha dichiarato Garozzo - e che può riportare il calcio a Siracusa. Nell’interesse della città e degli appassionati, convinti delle nostre ragioni anche giuridiche, abbiamo per questa ragione deciso di interrompere i rapporti con il Siracusa». Ga.Ur.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati