Siracusa, l’incendio scoppiato alla riserva Ciane «Le fiamme appiccate da piromani»

SIRACUSA. L’ipotesi che il vasto incendio, capace di tenere con il fiato sospeso i residenti ed i commercianti di via Elorina, sia di natura dolosa è molto concreto. Questa la pista battuta dagli agenti della polizia municipale, che, agli ordini del comandante Enzo Miccoli, stanno provando, attraverso alcune testimonianze, a risalire agli autori di questo rogo. «Stiamo facendo ancora - dice il comandante della polizia municipale, Enzo Miccoli - la conta dei danni ma il fuoco, da quello che abbiamo potuto constatare, non ha creato problemi alle infrastrutture, tra cui l’illuminazione pubblica».


Il vasto fronte di incendio si sarebbe originato da via Lido Sacramento, in un pezzo di campagna, per poi puntare verso Pantanelli, incuneadosi nel cuore della riserva Ciane-Saline. Il vero danno è ambientale, perchè le lingue di fuoco hanno compromesso 15 ettari di macchia mediterranea mentre un canneto, come denunciato dal direttore della riserva Ciane-Saline, Giuseppe Mammino, è stato polverizzato. Che dietro l’incendio possa esserci la mano dei piromani lo conferma l’assessore alla Protezione civile, Maria Grazia Cavarra: «C’è il sospetto - spiega l’assessore - che le fiamme siano state appiccate da piromani ma questo non deve fare venire meno la responsabilità di ciascuno di noi. Incendi di tali dimensioni, per quanto fronteggiati in maniera efficace, fanno sempre dei danni all’ecosistema. Pensiamo alla distruzione della macchia mediterranea ed agli animali selvatici, specie in una fase di riproduzione».


Il Comune, però, ha in mente di usare il pugno duro contro i proprietari che non hanno provveduto alla bonifica degli appezzamenti di terreno. «Esiste un’ordinanza - dice Maria Grazia Cavarra - del 30 maggio scorso, firmata dal commissario Alessandro Giacchetti, che intendiamo fare rispettare con la collaborazione della polizia municipale». Ieri, i vigili del fuoco sono tornati nella zona di via Elorina per spegnere gli ultimi focolai dell’incendio che ha tenuto sotto scacco la città.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook