Floridia, la "trappola" del parco giochi: "Un pericolo per i nostri figli"

FLORIDIA. Inciviltà e degrado in molte zone di Floridia. A denunciare le pessime condizioni di alcuni quartieri della città, sono alcuni genitori che vorrebbero maggiore attenzione per le zone destinate ai più piccoli e alcuni consiglieri dell'opposizione che, più volte, hanno segnalato questa esigenza all'amministrazione. Al centro della questione la pericolosità dei parchi Robinson e l'incuria che regna in periferia e nella zona adiacente il liceo scientifico di Floridia. A farsi portavoce dei genitori che frequentano le giostrine della villa comunale è Lucilla Maesano.


«Trovo inaccettabile che le giostrine vengano ridotte e lasciate in questo stato - dice Maesano -. Mio figlio mi chiede sempre di portarlo alla villa comunale per divertirsi, ma come posso portarlo in un luogo dove domina il degrado. I giochi sono rotti, lo scivolo è tagliente, pericoloso ed è sorretto da un pezzo di legno che potrebbe cedere da un momento all'altro. Non ci sono le altalene per i più piccoli e ovunque c'è sporcizia. Potrebbe essere un bellissimo parco giochi e invece rappresenta un pericolo costante. Auspico più attenzione nei confronti delle zone frequentate dai bambini». A prendere in mano la protesta dei genitori sono i consiglieri dell'Udc Salvo Burgio, Paolo Teodoro e Sandro Beltrami che, più volte, hanno sollevato la questione relativa alla pulizia della città e alla manutenzione dei parchi Robinson. «Da qualche mese giriamo la città a piedi - spiegano i consiglieri - e dobbiamo ammettere che ovunque ci sono buche e sporcizia e che Floridia non è una città a misura di bambino.


I parchi Robinson sono in uno stato di degrado inaccettabile, nonostante siano stati inseriti in bilancio 10 mila euro per la manutenzione delle giostrine e l'opposizione abbia predisposto un regolamento che prevede multe per chi utilizza in modo improprio i parchi Robinson. Bisogna intervenire e potenziare i cestini e la vigilanza al più presto». Interviene l'assessore comunale alla manutenzione Claudia Faraci, secondo la quale ”gli interventi di manutenzione e i controlli sul territorio vengono effettuati spesso - spiega -, ma è ovvio che alla base c'è una mancanza di senso civico. Le giostrine della villa, inoltre, sono state ristrutturate nei mesi scorsi grazie all'intervento delle associazioni di volontariato. Ultimamente non abbiamo ricevuto segnalazioni al riguardo, ma presteremo sicuramente più attenzione”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati