Rischio sismico altissimo ad Augusta: «Il Comune si attivi»

SIRACUSA. Potenziare la Protezione civile ad Augusta e avviare al più presto il piano comunale. Lo sollecita Massimo Casertano, alla guida del movimento civico Augusta Città Libera, alla luce dei dati emersi dall'ultimo dossier del Servizio sismico nazionale in cui viene confermata la forte sismicità di Augusta che sarebbe sicuramente tra le città siciliane più colpite in caso di terremoto di forte magnitudo.
"Dalla simulazione realizzata elaborando i dati in proprio possesso - dice- e dai calcoli effettuati dal Servizio sismico nazionale risulta che Augusta sia la sesta città in assoluto con più danni in caso di sisma di alta intensità: ma di fatto, nella graduatoria stilata, in proporzione agli abitanti e agli edifici presenti sarebbe la più danneggiata (le prime cinque sono città più popolate, Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Vittoria ndr). In caso di "big one", cioè di un sisma di intensità pari al più forte già registrato nell'Isola, ad Augusta si registrerebbero circa 16000 tra morti e feriti e circa 13000 senzatetto".
Una eventualità di cui si parla da tempo e che viene adesso ulteriormente confermata dagli ultimi studi, da qui l'invito alla commissione prefettizia che gestisce il Comune perchè "voglia conferire a questo tema - conclude- l'importanza e la concretezza operativa, che non ha mai avuto nel corso delle amministrazioni politiche che si sono susseguite negli anni: tanto è vero che al di là del reclutamento di un gruppo di volontari, di qualche esercitazione e di effimeri proclami il piano di Protezione civile - che è l'elemento cardine della prevenzione - ad Augusta non ha mai visto la luce." Ce. Sa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook