Ast, autisti sul piede di guerra: «Da due mesi senza stipendi»

SIRACUSA. I lavoratori dell'Ast senza stipendio da due mesi. La Filt Cgil, Fit Cisl e Uil trasporti hanno proclamato lo stato di agitazione e prenderanno parte con una propria delegazione al presidio organizzato per oggi dalle segreterie regionali dei trasporti aderenti a Cgil, Cisl e Uil davanti la sede della Prefettura di Palermo per chiedere ai vertici dell'azienda siciliana trasporti, lo sblocco delle spettanze relative alle mensilità di maggio e giugno, l'ammodernamento del parco mezzi e prospettive certe in vista dei prossimi mesi. Il servizio di trasporto urbano ed extraurbano verrà regolarmente svolto da parte dei sessantaquattro dipendenti che compongono l'organico in città e provincia, ma la situazione tra i lavoratori resta carica di tensione. In agitazione anche i lavoratori dell'indotto pronti a nuove manifestazioni già a partire dai prossimi giorni. I sindacati dopo il confronto di oggi con l'azienda incontreranno i dipendenti e subito dopo invieranno anche una richiesta di riunione con il sindaco Giancarlo Garozzo. «Abbiamo evitato qualunque tipo di blocco del servizio - ha spiegato il responsabile del dipartimento trasporti della Fit Cisl, Roberto Getulio - che sarà svolto regolarmente, senza provocare disagi alla cittadinanza. Dall'azienda ci attendiamo risposte in vista dei prossimi mesi, in particolare dalla ripresa delle scuole sul piano dei trasporti che intende organizzare in provincia visto che si è perso il 40 per cento dell'utenza con oltre mille abbonamenti e i lavoratori sono penalizzati dal continuo ritardo nel pagamento dei propri stipendi, che sta mettendo in grosse difficoltà più di sessanta famiglie». Vi. Cor.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X