Siracusa, stop alle stragi del sabato sera: stradale e Asp in campo

SIRACUSA. Un fronte compatto per ridurre drasticamente le «stragi del sabato sera». Sono stati il commissario straordinario dell’Asp, Mario Zappia e il comandante provinciale della polizia stradale, Antonio Capodicasa, a presentare il progetto che vedrà gli agenti della stradale e i medici dell’Asp impegnati tutti i fine settimana, dal 30 giugno al primo settembre. Con loro anche i direttori sanitari e amministrativi dell’Asp, Anselmo Madeddu e Vincenzo Bastante, il coordinatore del dipartimento di Salute mentale, Roberto Cafiso e il diretto della Medicina legale, Francesco Micale. Tutti i fine settimana nelle autostrade, nelle statali e nelle zone balneari saranno organizzati posti di controllo per individuare automobilisti alla guida sotto l’effetto di alcol e droga. «L’azione portata avanti negli ultimi anni - ha dichiarato Capodicasa - ci ha consentito di ridurre del 20 per cento il numero di incidenti stradali dovuti all’abuso di alcol». In azione ci saranno dunque i poliziotti ”accompagnati” da un camper con a bordo i medici dell’«Asp». Una volta fermati gli automobilisti saranno sottoposti a controllo alcolemico e poi verrà chiesto loro, nel caso in cui fosse necessario, di sottoporsi a ulteriori analisi per verificare l’uso di sostanze stupefacenti. Come spiegato da Capodicasa, gli utenti potranno rifiutarsi di sottoporsi alle analisi ma a quel punto, come previsto dalla norma, scatterà automaticamente la confisca del mezzo, la sanzione massima prevista per questi casi e il ritiro della patente.
Soddisfazione per l’avvio del progetto è stata espressa da Zappia. «Sono fermamente convinto - ha dichiarato il commissario straordinario dell’Asp - che attraverso un lavoro integrato si possa diffondere la cultura del rispetto di se stessi e degli altri quando ci si pone alla guida di un mezzo». Ga. Ur.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook