Portopalo, parco archeologico abbandonato: il Comune se lo riprende

SIRACUSA. Il parco archeologico, abbandonato e distrutto, torna nelle mani del Comune. È stata questa la scelta dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco, Michele Taccone. Dopo quattro anni di polemiche e avvertimenti, è stata avviata la rescissione del contratto che vincolava la cooperativa "Il Rais" alla gestione sia del parco archeologico di contrada Cicogna sia del cineteatro "Gozzo".
"Sono inadempienti sotto tutti gli aspetti - ha dichiarato l'assessore ai Beni Culturali, Sport, Spettacolo e Turismo, Corrado Scala -, dunque abbiamo dovuto scegliere questa soluzione di forza, per difendere gli interessi del Comune e dei cittadini. Abbiamo atteso, nella speranza che vi fosse un cambio di marcia da parte di chi ha ottenuto la gestione. Cambio che non c'è stato tranne qualche vaga iniziativa nell'estate scorsa, priva di programmazione, scioltasi subito come neve al sole". Nel corso degli anni sono stati diversi i programmi presentati dalla cooperativa, sia per la gestione che per il recupero e la tutela soprattutto del parco.
"Interventi mai rispettati - ha continuato Scala -, oltre ad essere debitori ancora di alcuni canoni per la gestione, non hanno mantenuto pulito il parco, rimasto anche senza sorveglianza". Ed oltre il danno la beffa per il Comune, perché l'area archeologica lasciata allo sbaraglio è stata depredata, soprattutto nei periodi invernali, sottoposta a raid vandalici continui. "Le condizioni sono disastrose - ha sottolineato l'assessore e consigliere comunale -, ecco che nel giro di venti giorni il Comune tornerà in possesso dei beni".
Ma c'è di più, perché il Comune vuole essere pagato il "conto" di quanto è rimasto danneggiato. "Sulla scorta di tutto lo scempio che c'è - ha annunciato l'assessore Corrado Scala - io chiederò che il Comune, dopo aver quantificato i danni, si costituisca parte civile per il recupero del dolo provocato. È mio interesse garantire l'ente fino alla fine, in tutti i suoi aspetti".
Ad ogni modo, dopo avere recuperato pienamente il possesso, l'amministrazione comunale ha intenzione di riaffidare ai privati le sorti del parco e del cineteatro. "Prepareremo un nuovo bando - ha continuato Scala - perché è impossibile che l'amministrazione riesca a gestire il parco e il teatro, con le scarse risorse che si ritrova". E pare anche che ci siano imprenditori turistici del paese marinaro che siano disposti a prendere in mano la situazione.
"Confermo - ha dichiarato Corrado Scala -, che parteciperanno al bando per l'affidamento anche imprenditori portopalesi". Se. Di.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook