Abusi sui minori, Asp di Siracusa: «Trecento casi nel 2012»

Siracusa, Archivio

SIRACUSA. Trecento minori sono stati sottoposti a tutela nel 2012, e di essi un centinaio sono nuovi ingressi. Si tratta di bambini vittime di abusi e di maltrattamenti di vario tipo, soprattutto di tipo psicologico, ma c'è ancora molto da fare sul territorio. È quanto emerso ieri in occasione dell'incontro promosso dall'Asp riguardo agli abusi sui minori, per conoscere le nuove linee guida disposte dall'assessorato regionale alla Salute. L'incontro si è svolto all'ufficio formazione di viale Epipoli ed è stato realizzato in collaborazione con il Dipartimento di salute mentale e la neuropsichiatria infantile. «Questi sono i dati che riguardano lo scorso anno - spiega Paola Iacono direttore facente funzioni del Modulo dipartimentale di Neuropsichiatria infantile adulti - ma c'è ancora molto da fare per far emergere il sommerso». La presa in carico dei minori vittime di abusi avviene dopo le disposizioni del Tribunale dei minori ed è fondamentale la sinergia che si viene a creare sul territorio con le strutture di riferimento per i servizi sociali, per poter poi avviare percorsi per il trattamento del minore e di tutela compresa la protezione in accordo con la magistratura minorile o con l'ente locale. Le linee guida sono state presentate dal coordinatore del Dipartimento di salute mentale Roberto Cafiso mentre il presidente del Tribunale dei minori di Catania Maria Francesca Pricoco ha parlato degli ambiti di raccordo interistituzionali che sono necessari per intervenire nei casi di abusi e maltrattamenti. (*FEPU*)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook