Floridia, l’agguato alla «Marchesa»: «Ucciso da cinque colpi di pistola»

Ieri è stata effettuata l’autopsia su Nicola Ferla: sarebbe morto all’istante. Le indagini ruotano sulla sua vita privata
Siracusa, Archivio

FLORIDIA. Una morte quasi istantanea per un colpo arrivato dritto al cuore. Chi ha ucciso Nicola Ferla domenica notte a Floridia non avrebbe certo agito per intimidire o spaventare il quarantaduenne disoccupato. A confermarlo è stata l’autopsia eseguita ieri mattina dal medico legale Francesco Coco, su disposizione del sostituto procuratore Andrea Palmieri. L’esame ha rivelato come siano stati cinque i colpi che hanno raggiunto la vittima dell’agguato avvenuto via Papa Giovanni XXIII al torace e alla spalla sinistra. L’arma, che non avrebbe lasciato bossoli, sarebbe una pistola a tamburo. Secondo quanto emerso dall’autopsia durante la quale è stata riscontrata la rottura del cuore: l’uomo sarebbe morto praticamente sul colpo, senza avere nemmeno il tempo di scendere dalla propria auto, una «Fiat Punto» nera. E proprio all’interno della vettura si sarebbe accasciato ormai privo di vita. L’agguato sarebbe stato messo a segno, non a caso, poco dopo l’una mentre in paese si concludevano i festeggiamenti per l’Ascensione. Con molta probabilità l’omicidio sarebbe avvenuto durante il tradizionale spettacolo pirotecnico con il rumore dei fuochi d’artificio che avrebbe coperto gli spari. L’attenzione, adesso è tutta rivolta alle indagini portate avanti dai carabinieri del nucleo investigativo e dai ”colleghi” della tenenza di Floridia. Per i militari dell’Arma si tratta però di un vero e proprio rompicapo. Il quarantaduenne, che abitava con la madre, non risulterebbe affiliato con nessun clan e negli ultimi tempi avrebbe viaggiato spesso tra Floridia e Roma dove la compagna si occupa della gestione di una rivendita di tabacchi. Anche per questa ragione i militari dell’Arma starebbero passando al setaccio tutti i rapporti, le relazioni dell’uomo e avrebbero già avviato gli interrogatori per provare a individuare il movente e l’autore dell’omicidio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X