Primo Maggio, la città invasa dai turisti: ma trovano pure i cassonetti stracolmi

Il prefetto ha convocato un vertice per l’emergenza rifiuti. Mercoledì affollate anche le spiagge per i primi tuffi

SIRACUSA. Turisti in visita in città con lo sfondo di cassonetti colmi di rifiuti e sacchi della spazzatura sparsi anche nel centro storico. La giornata del primo maggio ha offerto anche questo ”biglietto da visita” a decine di stranieri, in massima parte provenienti dagli Stati Uniti, Inghilterra, Spagna, Francia e Germania. E l'emblema del degrado provocato dalla protesta degli operatori ecologici, che va avanti ormai da giorni, è stato trovare proprio i cassonetti pieni e la spazzatura non raccolta davanti a luoghi che sono meta dei turisti, in particolare all'ingresso del parco archeologico della Neapolis, davanti al museo archeologico «Paolo Orsi» e al Santuario, in piazza della Vittoria. Una emergenza che rischia di avere conseguenze ancora peggiori. Le segreterie provinciali di Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Fiadel, hanno confermato il mantenimento dello stato di agitazione e lo sciopero in programma lunedì. Per oggi il prefetto Armando Gradone ha convocato alle 11 una riunione in piazza Archimede alla presenza del dirigente del settore Ambiente del Comune, Gianni Monterosso, dell'amministratore unico di «Igm», Giulio Quercioli e dei sindacati per trovare una soluzione.
Nella giornata della «Festa del Lavoro» sono stati comunque in molti a scegliere di visitare i luoghi più suggestivi della città. In Ortigia le mete preferite sono state la Cattedrale, con tanti turisti che si sono soffermati all'interno della Cappella di Santa Lucia, ma anche alla Marina, alla Fontana Aretusa, al Castello Maniace ed ai caratteristici Bagni ebraici. Non sono mancati poi i disagi per alcune comitive di turisti che in piazza Duomo hanno atteso oltre un'ora tra le 10 e le 11 per poter entrare agli Ipogei che erano chiusi. In rada ha fatto tappa per una breve sosta uno yacht proveniente dalla Grecia che è ripartito nel pomeriggio in direzione di Taormina.
Prese d'assalto mercoledì anche le zone balneari, per il tradizionale "primo tuffo" della stagione, accompagnato poi dalle grigliate per una gita fuori porta. Dall'Arenella a Fanusa, da Ognina a Fontane Bianche in tanti hanno scelto di trascorrere così una giornata tutta dedicata al relax. Situazione caotica lungo le strade del rientro in via Elorina e sull'ex strada statale 124 all'altezza dell'incrocio tra via Bandini e via Ascari dove tra le 18 e le 20 si procedeva a passo d'uomo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati