Sgarlata apre la corsa per il Vermexio

Verso le amministrative. In campo Il Megafono con la candidatura di una donna alla poltrona di sindaco: «Voglio mettermi al servizio della città»
Siracusa, Archivio

SIRACUSA. «Ho deciso di mettermi al servizio di Siracusa, e voglio continuare a farlo, fino in fondo». Così Mariarita Sgarlata ha ufficializzato ieri mattina nell’area dello sbarcadero santa Lucia la sua candidatura per ”Il Megafono” del presidente della regione Rosario Crocetta, a sindaco del capoluogo. «La mia candidatura non è una sorpresa - dice - era stata già annunciata con la mia partecipazione alle politiche. Adesso è giunto il momento di ufficializzarla e dare chiarimenti ai cittadini anche rispetto alla confusione che si è creata nel quadro politico». Rita Sgarlata ha spiegato di essere uno dei candidati del centrosinistra. Un centrosinistra che si ”ritroverà” al ballottaggio per confluire su chi la spunterà.

«È vero che c’è stato un certo disorientamento - ha detto il candidato del Megafono - anche per chi crede in quella che chiamiamo rivoluzione crocettiana». L’esponente del Megafono ”rifiuta” l’idea di un sindaco trasversale, e non condivide dunque la proposta lanciata in questi giorni dal deputato regionale del Pdl Vincenzo Vinciullo per la realizzazione di una sorta di governo dalle larghe intese. «La scelta di un sindaco trasversale, tra Pd e Pdl - dice - ci porterebbe nelle fauci del movimento 5 stelle. Ci vuole piuttosto un sindaco che abbia idee chiare, programmi certi e che non sia frutto di inciuci o similari».

Parla poi del fallimento del centrodestra e del governo espresso in questi anni per la città. Annuncia la definizione di una lista forte e competitiva, ribadisce l’idea di un modello ”Siracusa” che punti al turismo. Promette tagli ai costi della politica e l’eliminazione degli sprechi dal bilancio. Poi qualche riferimento al Pd. «Abbiamo ritenuto di non partecipare alle primarie - dice - perchè così come impostate si sono mostrate come primarie interne al Pd. Anche l’Udc ha deciso di avere un proprio candidato». La campagna elettorale riprende quindi con più vigore di prima. E sarà tra le altre cose caratterizzata dall’avvio di un percorso «crono-tappe». Il primo appuntamento sabato 6 aprile, sempre allo sbarcadero dove si parlerà di portualità, poi proseguendo il percorso verso l’interno del quartiere si affronteranno i temi legati allo stato della piazza santa Lucia, quelli dello stadio e anche del ”Siracusa calcio”, e più nello specifico saranno affrontate le problematiche degli abitanti del quartiere su vivibilità e servizi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook