Il parco di via Ozanam «invaso dalle erbacce»

A denunciare le condizioni di degrado della struttura è il presidente della circoscrizione, Gaetano Favara

SIRACUSA. Il parco di via Ozanam nel quartiere Epipoli invaso da erbacce e vegetazione per assenza di una regolare manutenzione del verde. A denunciare le condizioni di degrado della struttura è il presidente della circoscrizione, Gaetano Favara che da qualche mese, scaduti i termini della convenzione con l’associazione che gestiva il parco per un importo annuo di 20 mila euro, ha assunto personalmente l’impegno quotidiano di aprire e chiudere i cancelli dello spazio per il gioco e il tempo libero dei residenti. «Per scongiurare la chiusura annunciata dall’amministrazione comunale - ha spiegato Favara - inevitabile per assenza di fondi, ho chiesto ed ottenuto la gestione temporanea del parco. Un accordo raggiunto con il dirigente del settore, Jose Amato che avrebbe dovuto garantire la manutenzione del verde, affidandola all’Igm. Sono trascorsi alcuni mesi e quanto concordato non ha avuto riscontri. Il parco, fiore all’occhiello del quartiere è uno spazio molto frequentato dalla popolazione di Epipoli ed è stato realizzato per offrire a bambini e adulti della circoscrizione un luogo ricreativo e per questo intendiamo difenderlo ad ogni costo». Per avere chiarimenti sulla vicenda Favara ha provveduto a convocare un incontro chiamando in causa il presidente del consiglio comunale, Edy Bandiera e lo stesso dirigente del settore. «Stiamo organizzando un confronto tra l’amministrazione e tutto il consiglio - ha aggiunto Favara - per far chiarezza su una delle tante esigenze del quartiere. Un’assemblea aperta che sarà convocata in una struttura ancora da individuare dal momento che gli uffici del quartiere non possono ospitare tanta gente per ragioni di agibilità».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook