La «guerra» dei posteggi per i disabili: «A Canicattini regole non rispettate»

«I vigili fanno poco per evitare gli abusi». Un parcheggio delimitato per un portatore d’handicap ormai morto
Siracusa, Archivio

CANICATTINI. "Gli stalli riservati ai disabili sono occupati abusivamente e nessuno, nonostante le recenti promesse, muove un dito per far rispettare i divieti". I genitori dei disabili canicattinesi chiedono all'amministrazione comunale un maggiore controllo affinchè i parcheggi destinati ai soggetti diversamente abili siano musati da chi ne ha diritto. Gli stalli esistenti nelle strade del centro (riservati indistintamente a tutti i disabili) sono in tutto meno di una decina, ma il problema, che si presenta per l'ennesima volta dopo le proteste dei mesi scorsi e le rassicurazioni da parte del sindaco Paolo Amenta, è ben più ampio ed è legato a una lunga serie di permessi rilasciati negli anni scorsi a chi ne faceva richiesta in virtù della "legge 104"; permessi che consentivano ai richiedenti di usufruire di un posto riservato nei pressi dell'abitazione dopo l'autorizzazione del sindaco. In tal modo, però, si è finito con l’agevolare un "utilizzo improprio" dei parcheggi (talvolta utilizzati dai parenti) creando confusione e polemiche. "In via Regina Elena, ad esempio, vicino alla piazza, - spiega Corrado Carbone - c'è un posto riservato a un disabile che è deceduto, ma l'area è sempre occupata e nessuno può usufruirne". A tal proposito, però, l'assessore alla Viabilità Salvo Di Blasi e il comandante della Polizia municipale, Pino Casella, hanno fatto sapere che presto il problema in quell'area verrà risolto. "In effetti - spiega il comandante dei vigili urbani - viene fatto un uso improprio sia degli stalli che del tesserino esposto nelle auto dai familiari dei disabili, i quali utilizzano i parcheggi anche in assenza di chi ne ha effettivamente bisogno. Spesso le lamentele, poi, - aggiunge Casella - arrivano proprio da chi interpreta male la norma credendo di poter usufruire comunque dei posti. A tal proposito, da parte nostra, non possiamo che garantire un maggiore controllo dei parcheggi, i quali, come prescrive la norma, devono essere utilizzati solo in presenza del disabile e nei luoghi in cui la circolazione è intensa. Mi auguro, tuttavia, che l'amministrazione possa regolare la disciplina in modo da evitare lamentele, incomprensioni e ulteriori problemi".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X