Centrosinistra, le regole per le «primarie»

Primo stop alle ambizioni dei centristi di Pippo Gianni e dell’area di Titti Bufardeci. Gulino: «Siamo impegnati sul programma»

SIRACUSA. No alle candidature dell’ultima ora soprattutto se provenienti da partiti e gruppi che fino a pochi mesi fa hanno indossato i panni del Centrodestra, sostenendone programmi e leader. Su questo il tavolo del Centrosinistra sembra piuttosto determinato stando alle novità che emergono sui contenuti del regolamento per le «primarie» sulla scelta del candidato a sindaco. Primarie previste subito dopo la prima metà di marzo. Il regolamento discusso a approvato dal tavolo del Centrosinistra con Pd, Idv, Sel ed i movimenti ”Verso le amministrative” e ”Italia in movimento” prevede infatti una specifica voce a riguardo. «C’è una sorta di sbarramento - dice il segretario cittadino del Pd, Paolo Gulino - riguardante la candidabilità a sindaco. Non vengono prese in considerazioni candidature di personaggi che negli anni passati hanno sostenuto programmi o ricoperto incarichi istituzionali in contrasto con le linee del Centrosinistra. Tutto questo dinanzi al pericolo dei continui e improvvisi cambi di casacca». Gulino non scende nei particolari ma è chiaro come certe ”precauzioni” siano legate a vicende tutte siracusane che hanno visto concretizzarsi negli ultimi mesi ”divorzi” per così dire ”eccellenti” nel Centrodestra. Basti pensare all’addio dell’ex parlamentare regionale Titti Bufardeci a «Grande Sud», o quello del deputato nazionale Pippo Gianni al «Pid-Cantiere popolare». Divorzi che hanno spostato le ”simpatie” sia di Bufardeci che di Gianni verso il Centrosinistra. «Siamo impegnati sulla sintesi del programma - dice ancora Gulino - e prossimamente si discuterà sul comitato organizzativo e saranno ufficializzate le date per la raccolta delle firme e per lo svolgimento delle primarie». L’ultima riunione del tavolo del Centrosinistra si è svolta appena due giorni fa. Erano presenti tra gli altri anche Franzo Bruno e Nino Consiglio, designati dal comitato provinciale del Pd a collaborare con la segreteria cittadina per le primarie legate al voto delle amministrative. Ed ancora «Italia dei valori», rappresentata da Paolo Giansiracusa e «Sel» da Vincenzo Vitale ed Ettore Di Giovanni.Il tavolo del Centrosinistra ha aggiornato i lavori a lunedì prossimo. La coalizione è stata lasciata aperta alle adesioni fino al prossimo 28 febbraio. L’obiettivo è ”allargare” il tavolo ad altre realtà importanti del Centrosinistra ma anche a movimenti. Una situazione che imporrebbe anche una certa chiarezza del quadro politico considerato che realtà come ad esempio la «Lista Crocetta - Il megafono» non avrebbe fino adesso mostrato alcun segnale di interesse nei confronti delle «primarie» del Centrosinistra. Un fatto non da poco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X