Casina Cuti, la rivolta degli ambulanti: «Siamo stati abbandonati da tutti»

Prosegue la protesta degli operatori per la biglietteria del parco archeologico: domani incontro con le commissioni

SIRACUSA. «Siamo stati abbandonati da tutti». I venditori ambulanti di «Casina Cuti» alzano il tiro e chiedono un incontro con il commissario straordinario Alessandro Giacchetti. La protesta degli esercenti è proseguita anche ieri mattina con l'occupazione di via del Paradiso, la strada che conduce al parco archeologico della Neapolis. I commercianti hanno sistemato le proprie bancarelle lungo la strada e non hanno intenzione di abbandonare la protesta. «Chiediamo solo di poter lavorare - sostiene Agesilao Benigno, uno dei venditori ambulanti - e che vengano rispettati gli accordi sottoscritti con il Comune».L'intesa, quando le bancarelle furono spostate da via del Paradiso a «Casina Cuti», prevedeva il posizionamento della biglietteria per il parco della Neapolis nell'area dei box. Una disposizione necessaria, secondo i venditori ambulanti, per ”condurre” i turisti verso i venditori di souvenir. La vicenda legata a «Novamusa», la società che gestiva la biglietteria, e la decisione della Regione di rescindere il contratto con l'impresa spostando la biglietteria in via del Paradiso, hanno fatto esplodere la protesta dei venditori ambulanti che si sentono tagliati fuori dai flussi dei turisti. «La dirigente del Parco archeologico non ha voluto rispondere alle nostre sollecitazioni - continua Benigno - ma a questo punto vogliamo sapere anche cosa sta facendo il Comune». Critiche anche per la classe politica locale. «Nessuno - continua l'esercente - si è fatto sentire o ci sta aiutando. Ci hanno lasciato completamente soli». Per cercare di trovare la soluzione al problema, venendo incontro alle esigenze dei venditori ambulanti, nei giorni scorsi si è già svolta una riunione congiunta delle commissioni comunali Decentramento, guidata da Paolo Romano, e Patrimonio, presieduta da Paolo Romeo. Domani mattina, alle 11, è previsto un nuovo incontro alla presenza anche della dirigente del servizio Parco archeologico, Maria Amalia Mastelloni. Negli uffici della Protezione civile, in via Elorina si cercherò di fare il punto sulla vicenda anche insieme ai dirigenti comunali Loredana Caligiore, Vincenzo Migliore e Jose Amato e al consiglio della circoscrizione Neapolis. In gioco c'è infatti anche il trasferimento degli uffici della circoscrizione a Casina Cuti. Per quanto riguarda la biglietteria, la proposta è quella di spostarla nel box attualmente occupato dalla polizia municipale, proprio tra i venditori ambulanti.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati