Siracusa, Archivio

Belvedere, colpo in banca da 10 mila euro

L’assalto alla filiale della «Monte dei Paschi di Siena» poco dopo le 15. Gli investigatori hanno acquisito i filmati della videosorveglianza

SIRACUSA. Hanno puntato i taglierini contro i cassieri della filiale della «Monte dei Paschi di Siena» in via Alcide De Gasperi, a Belvedere. Sono stati molto convincenti, se è vero che ne sono andati con i soldi, oltre 10 mila euro. È la prima stima del bottino prelevato da una coppia di rapinatori, che ha fatto irruzione nel locale nel primo pomeriggio, intorno alle 15, per poi dileguarsi in pochi minuti.

Nessuno dei dipendenti dell’istituto di credito è riuscito a vederli in faccia, per via dei cappellini che indossavano ma ricordano perfettamente quello che gli hanno detto e soprattutto ciò che hanno fatto. Non ci sono feriti tra i cassieri della banca, che hanno raccontato quei minuti carichi di apprensione agli agenti di polizia ed ai carabinieri della stazione di Belvedere, giunti dopo l’allarme arrivato dall’istituto.

Non sono riusciti a fare in tempo a catturarli e così è iniziato il lungo lavoro per tentare di identificare gli autori del colpo, il primo dell’anno ai danni di una banca della città. È stata ricostruita la dinamica della rapina, un passaggio importante per gli inquirenti, che potrebbe permettergli di riconoscere la mano di qualcuno di loro conoscenza. C’è la convinzione che dietro questo assalto ci siano dei professionisti, comunque delle persone con precedenti, il dubbio è se sono del posto oppure di un altro Comune o addirittura di un’altra provincia.

In quest’ultimo caso, l’indagine sarebbe più complessa perchè servirebbe l’aiuto degli altri commissariati di polizia o stazioni dei carabinieri. Un passaggio fondamentale è rappresentato dal sistema di videosorveglianza dell’istituto di credito di Belvedere: se le telecamere hanno fatto il loro ”dovere”, dai filmati gli investigatori potrebbero trarre molti spunti, a cominciare dall’aspetto dei rapinatori.

La scansione dei fotogrammi darebbe un enorme vantaggio alle forze dell’ordine, che, comunque, nel corso del pomeriggio hanno compiuto dei controlli in tutta la zona, spingendosi nel resto della città e nell’area dell’autostrada. È probabile che dopo essere usciti con il bottino in mano siano saliti a bordo di un mezzo per allontanarsi da Belvedere ed evitare così di incrociare le auto della polizia e dei carabinieri. Alcuni pregiudicati della città sono già finiti sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti, che stanno verificando i loro spostamenti nei minuti in cui si stava consumando la rapina alla filiale del «Monte dei Paschi di Siena».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati