Augusta, delibera del Consiglio: "Strisce blu nelle strade principali"

Saranno a pagamento tutti gli stalli delle vie Umberto, Roma e Garibaldi e della Borgata, come viale Italia

AUGUSTA. Via libera alle strisce blu a pagamento in alcune delle più trafficate arterie del centro storico come via Umberto, Roma e Garibaldi e della Borgata, come via Lavaggi e viale Italia. È quanto ha deciso, giovedì sera il consiglio comunale che, dopo tre ore di discussione, ha approvato la proposta presentata dall’amministrazione guidata dal commissario straordinario, Antonino La Mattina se pur con un emendamento, che modifica le tariffe originarie. Tredici i “si”, tre i contrari e due gli astenuti, la proposta è passata con la modifica della tariffa iniziale di 60 centesimi, prevista per la sosta a tempo di un’ora, che è stata ridotta a cinquanta centesimi è stata, inoltre, introdotta la tariffa di mezz’ora che costerà al cittadino 30 centesimi e sono stati eliminati i due euro per chi vorrà posteggiare per mezza giornata, ovvero dalle 9 alle 13 o dalle 16 alle 20. Sono questi gli orari in cui, presumibilmente dal prossimo gennaio quando dovrebbe entrare in vigore il provvedimento, sarà vietato sostare gratuitamente nei giorni feriali in via Umberto, Roma e Garibaldi, Lavaggi e viale Italia e via Lavaggi.

Nella proposta dell’amministrazione sono, infatti, queste le strade prese in considerazione che potrebbero però subire qualche modifica nelle prossime settimane, visto che il progetto prima di essere istituito potrà essere rivisto ed eventualmente modificato dal commissario su proposta dei consiglieri. È stato questo, infatti, l’impegno assunto giovedì sera, in aula, dal commissario La Mattina che si è detto favorevole ad apportare alcune modifiche, già presentate nelle scorse settimane con una mozione, lo stesso commissario ha ribadito che l’atto «non è la soluzione ai problemi della viabilità cittadina ma è un inizio, non serve a fare cassa, sarebbe sciocco fare questo, ma a portare legalità e a fare crescere la città».

Il consigliere comune del Fli, Peppe Di Mare che chiesto se è vero che le strisce blu non si possono istituire senza aver prima redatto prima il put, il piano urbano del traffico, com’è il caso di Augusta, a lui ha risposto il comandante dei vigili urbani, Claudio Borzì che ha ricordato che il progetto ha un visto di regolarità tecnica. E che l’articolo 7 del codice della strada prevede l’istituzione del servizio, che sarà gestito direttamente dai vigili urbani chiamati a controllare. A loro si è appellata Mariella Miceli, vicepresidente del consiglio perché «si adoperino per un servizio efficace e costante e ai cittadini perché rispettino il senso civico».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X