La rabbia dei dipendenti «Aligrup»: «La chiusura una scelta vergognosa»

La protesta dei lavoratori dell’«Iperspar» davanti all’ingresso del centro commerciale: «Domani andremo in consiglio comunale»
Siracusa, Archivio

SIRACUSA. In ottanta hanno presidiato per un’intera giornata gli ingressi del centro commerciale «I Papiri» di contrada Fusco paralizzando il traffico veicolare fino a viale Paolo Orsi. Non sono mancati attimi di tensione con alcuni automobilisti che hanno cercato di forzare i presidi, ma la situazione è rientrata immediatamente con l’intervento delle forze dell’ordine presenti durante la manifestazione. A protestare da ieri mattina fino al tardo pomeriggio una delegazione di dipendenti di Aligrup, transitati prima dal bacino ex Sotis Cavi, quindi in «Carrefour» e successivamente in «Aligrup», adesso in fase di liquidazione ed in attesa delle spettanze da ottobre ad oggi. Complessivamente al punto vendita di contrada Fusco sono 102 unità che andranno in cassa integrazione da oggi e che hanno realizzato un volantinaggio dopo la decisione del liquidatore, Massimo Verona di anticipare di un giorno la chiusura del punto vendita «Iperspar» presente all’interno del centro commerciale. «Una scelta vergognosa – ha spiegato uno dei dipendenti presenti ieri in presidio, Salvo Nardo – la chiusura anticipata dell’ipermercato decisa proprio nel giorno in cui ricorreva il settimo anno dell’avvio di questa attività, ha penalizzato anche tutti gli altri negozi presenti all’interno della galleria commerciale. Ci hanno privato di lavorare fino all’ultimo giorno e questa manifestazione è stata decisa solo per fare sapere alla cittadinanza la reale situazione e chiedere di darci solidarietà evitando di entrare al centro commerciale di contrada Fusco. Oggi saremo in assemblea e domani una delegazione prenderà parte al consiglio comunale perché chiediamo anche alla classe politica locale di trovare soluzione per una vertenza che è stata sottovalutata negli ultimi mesi». Il punto vendita di contrada Fusco rientra tra i ventitrè presenti in Sicilia per i quali è stata disposta la chiusura a seguito della firma dell’accordo per la cassa integrazione straordinaria dei dipendenti della catena di supermercati «Aligrup» che coprirà per un anno i lavoratori, ma che potrà essere percepita solo dopo aprile. I sindacati intanto, presenti ieri con il segretario provinciale della Filcams Cgil, Stefano Gugliotta hanno ottenuto la convocazione di una riunione per giovedì a Palermo con il governatore, Rosario Crocetta. «Al gruppo Aligrup stiamo mandando una lettera di diffida in cui sollecitiamo di rivedere le procedure di licenziamento di ulteriori 30 addetti che erano inseriti con contratto di apprendisti». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook