Noto, devastato l’antico Palazzo Ducezio

Ospita gli uffici del Comune. Ieri un quadro desolante: vetri rotti, cassetti rovesciati per terra, estintori svuotati nelle sale
Siracusa, Archivio

NOTO. Devastato lo storico Palazzo Ducezio, nel centro di Noto. Il settecentesco edificio, che ospita gli uffici del Comune, è rimasto per un’intera notte nelle mani dei teppisti.

Porte degli uffici spalancate, vetri rotti, cassetti delle scrivanie svuotati e rovesciati per terra, armadi e scaffali sottosopra, voluminosi fascicoli sparsi per tutte le stanze, carte disseminate ovunque, estintori a polvere portatili scaricati tra il piano terra, dove ha sede la sala delle riunioni dell’esecutivo comunale, l’ammezzato e il piano sopraelevato, dove sono ospitati gran parte degli uffici: questo il desolante quadro che si è presentato ieri mattina, poco dopo le sette e trenta, ai dipendenti che per primi hanno varcato l’uscio del palazzo. Tre soli i locali non «visitati»: quello del sindaco, a piano terra, l’elegante Sala degli Specchi e l’ufficio Ragioneria.

Per tutta la mattina di ieri gli esperti della scientifica dei carabinieri e gli uomini del commissariato di pubblica sicurezza hanno passato al setaccio i diversi ambienti alla ricerca di indizi e tracce di scasso. In primo luogo dovrà essere accertata la strada di accesso.
Un servizio nell'edizione di Siracusa del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X